Wednesday, 18 November 2020

Dimenticarsi una città

Ti è mai capitato di dimenticarti di una città?
O, per essere più precisi, ti è mai capitato di ricordarti di un luogo, ma di non ricordarti in che città è collocato?

Nella mia mente è l'immagine di una lenta passeggiata lungo le sponde di un fiume. Cammino attraversando una terrazza, un ballatoio che segue le acqua.

Fa caldo, e decido di prendermi una spremuta ad un chiosco li vicino.

Ecco ... stasera mi è tornata voglia di perdermi in una città che non conosco e non ricorderò.

Le organizzo così io le mie vacanze. Fisso sl limite la destinazione, e poi la raggiungo improvvisando, dal viaggio, spesso in treno, all'alloggio, al limite prenotato in carrozza.

Tutto questo mi manca molto.

Thursday, 12 November 2020

Un Tempo miserabile

E tu?
Come vivi questo tempo miserabile?
Io ... beh, cosa vuoi che ti dica: lo vivo nell'unico modo che la vita mi ha insegnato per gestire il dolore.

Apnea.
Anoressia dello spirito.

Così io ho sempre domato, ma non ucciso, il dolore.

Certo ... con alterne fortune. Ma la mia vita è stata ricchissima, e perfino quel dolore residuo annovero tra i miei tesori.
Il male che ho accumulato ha nobilitato ciò che non ha distrutto.
Mi ha insegnato soprattutto ad amare - mi ha imposto di imparare ad amare.

Ed ho amato infinitamente.
E sono stato amato infinitamente.

Ed è per questo che so che se ci sarà un futuro sarà di nuovo nobile, e glorioso, e che il dolore inestinguibile mi spingerà ad amare, ad essere amato ancora più profondamente.

Io lo so.

Saturday, 15 August 2020

Incomprensibile

 Io proprio non li capisco questi negazionisti.

Peggio ancora comprendo i 'no-vax'-'no-mask'.

Vorrei poter dire 'fatti loro' ... ma non e' cosi' che funziona il mondo.

Non abbiamo imparato nulla neppure da questa durissima lezione. Forse siamo irrecuperabili. 

Speravo che le palesi cretinate di febbraio/marzo di alcuni urlatori, alla luce dei morti e delle sofferenze, ci avrebbero sbarazzato di questi parassiti. Macche', sono tornati a tempo di record tra noi, a pontificare, a gridare, o incendiare gli animi.  

'Il virus non esiste piu'' ... ed intanto continuano a morire a migliaia ogni giorno, in Florida, in California, e poi laggiu', nell'emisfero australe che ora conosce quell'inverno che presto tornera' con le sue insidie anche tra di noi.

'Visto? Il virus e' sparito a maggio/giugno, come dicevo io' ... ed intanto tu guardi i dati di mezzo mondo, e ti fai tante domande, e forse non siamo in tanti a farcene, ad avere dei dubbi e delle preoccupazioni per noi, per gli altri.

Tuesday, 28 July 2020

A proposito di imbecilli ed imbonitori

Quando un popolo, divorato dalla sete della libertà, si trova ad avere a capo dei  coppieri che gliene versano quanta ne vuole, fino ad ubriacarlo, accade allora che, se i governanti resistono alle richieste dei sempre più esigenti sudditi, sono dichiarati tiranni. E avviene pure che chi si dimostra disciplinato nei confronti dei superiori è definito un uomo senza carattere, servo; che il padre impaurito finisce per trattare il figlio come suo pari, e non è più rispettato, che il maestro non osa rimproverare gli scolari e costoro si fanno beffe di  lui, che i giovani pretendano  gli  stessi  diritti, le stesse  considerazioni  dei  vecchi, e questi, per non parer troppo severi, danno ragione ai giovani. In questo clima di libertà, nel nome della medesima, non vi è più riguardo per nessuno. In mezzo a tale licenza nasce e si sviluppa una mala pianta: la tirannia.

Platone, La Repubblica

Wednesday, 11 March 2020

Come negarlo?



Come negarlo?

La situazione e' angosciante.
Vivo lontano, e tutta la mia famiglia, tutta, genitori, fratelli, zii ... e poi molti degli amici piu' cari e' in Italia.
Isolati loro, isolato io.

Non voglio neppure pensare a scenari possibili, ma li puoi immaginare anche tu.

Metti assieme le mie condizioni di salute, precarie, e l'eta' di tante delle persone cui tengo.
Non metto in revisione la mia vita: il destino che ho scelto, quello dello straniero, e' l'unico a me congeniale.
Ma non mi sorprendono le incoerenze del reale, le contraddizioni di temperamento e dati di fatto.

Lavoro da casa, ho la dispensa piena: stasera ultima spesa, ma e' da settimane, da gennaio, che, pian pianino, aggiungo alle provviste del giorno un pacco di pasta in piu', qualche bottiglia d'acqua, barattoli di legumi, cioccolata.

Dalla finestra, giu' in strada, vedo lo sciame di tutti i giorni. Come se qui nessuno si rendesse conto di quello che e' accaduto in Cina, ed ora sta aggredendo il nostro paese.

Non siamo pronti, non siamo piu' abituati alla legge marziale ... e questa e' guerra, anche se non ci sono mitragliatrici, missili, mimetiche.

Senza disciplina ci faremo male di un male dopotutto rimediabile se affrontato con intelligenza e metodo.

Tuesday, 2 April 2019

Pensieri

Cerco l'app di blogger sul telefono.

Il tram parte, arriva alla prima fermata ed il download, l'avevo rimossa, è  appena finito.

Inizio a scrivere, ed è come tornare in una casa abitata per un lungo periodo, e dalla quale tuttavia mi sono allontanato.
Il tempo passato è minimo, eppure ci di dimentica in fretta, in questa nostra epoca di abitudini che si sussuegono freneticamente, di ciò che è stato, di ciò che siamo stati.

...

Ho ricevuto un'e-mail, all'indirizzo associato a questo blog.
Un viaggiatore, uno più di me esploratore, o forse naufrago, mi ha sorpreso con parole di contatto.

Eccomi qui a controllare allora che la brace sotto la cenere sia ancora calda, e che il processo non si faccia irreversibile.

...

Che sto facendo della mia vita?
Mi guardo attorno, cerco in altri traettorie simili alle mie, così da poter interrogare il futuro e contestualizzare il passato.
Non trovo nessuno come me.

Sono fuori luogo perfino nel mondo delle idee se è vero che neppure riesco ad immaginare uno come me.

...

Però le sorprese possono esistere.

Come un'amante, passionale e dolcissima, che ha sbiadito i ricordi soprattutto erotici, o platonici, delle mie avventure passate, mettendo al centro il sentimento a me più congegnale, e cui tuttavia non credevo più: la dolcezza.

...

Il futuro è cupo, come il cielo di questo pomeriggio primaverile. Non ho nulla da offrire al mondo, all'algoritmo che predilige il pattern all'eccezione.

...

Sunday, 3 March 2019

Prima di entrare nel bosco



Stamattina è arrivato presto a svegliarmi, il mal di schiena.

Ieri notte ho fatto le ore piccole, ma alle nove ero già in piedi.

Thursday, 28 February 2019

Tutto ok!

Non sono sparito.
Semplicemente ho migrato altrove, ed in forma diversa, i miei pensieri.

[Ho usato il verbo 'migrare' in forma transitiva. So che è sbagliato, ma suona bene.]

Tornerò di tanto in tanto a farmi vivo.