Saturday, 30 June 2012

Una bella scopata

 Forse oggi è uno di quei giorni in cui ci vorrebbe 'una bella scopata'.

Quali siano le condizioni ideali, gli ingredienti necessari per una simile eventualità, io in verità non sono certo di saperlo.

Wednesday, 27 June 2012

Cose che capitano

Stavo leggendo un articolo, in un momento di semi rilassatezza postprandiale, in attesa di un collega.

Sulla scrivania, un po' alla rinfusa, i miei fogli, qualche penna, uno o due libri.

Non sono d'accordo

Non sono d'accordo con questo articolo, letto sul sito del 'Fatto Quotidiano'.

Monday, 25 June 2012

Come cambiano desiderio e frustrazione


Da ragazzo il desiderio carnale era tanto ossessionante da essere addirittura temibile.

 Avrei ceduto alle tentazioni del sesso tradendo amicizie, violando patti, offendendo perfino quell'amore che iniziavo a conoscere, ad adorare.

Di fronte ad una camicetta sbottonata, una gonnellina calata e delle mutandine abbassate con malizia, non avrei riconosciuto me stesso: le mani avrebbero carezzato, misurato, palpeggiato, le labbra avrebbero ricoperto di baci, e infine il sesso avrebbe conosciuto il sesso, o meglio il cazzo, tanto duro da pulsare nel pieno dell'erezione, tanto duro che ti avrei sverginata ogni volta, si sarebbe infilato nella fica, senza obbedire ad altro che ad un istinto più fondamentale della ragione, più profondo dei sentimenti, più intimo dell'etica perfino.

Avrei preso per i fianchi, girato di spalle per poter guardare quel capolavoro irresistibile e abbaccinante che è il culo di una bella donna, e poi di nuovo, per tornare ai seni, abbondanti e soffici, o minuti e sodi. Avrei mimato i gesti del sesso prima di essere nudo, avrei accennato a morsettini, ma non sarebbero stati che labbra chiuse sulle orecchiette, sulle cosce nude e setose.

Nei miei giochi fantastici, in cui mi immaginavo uomo politico, magistrato, agente segreto, riconoscevo questo come punto debole: una figa, altro che bustarelle, mi avrebbe corrotto, una puttana, recapitatami già mezza nuda in ufficio, convinto a salvare un pluriomicida, e per due zoccolette in calore avrei venduto il mio paese al peggiore degli stati canaglia.

Se questi erano i desideri, della stessa natura le frustrazioni: vi si rimediava con la masturbazione, che richiedeva un po' di astuzia ed impegno, che ne accrescevano il godimento: ai tempi non c'era internet e il suo infinito contenuto a luci rosse, e allora si rimediava qualche VHS in cartolibrerie di quartieri lontani dal proprio, qualche rivista porno, qualche fumetto o videogioco hentai.

Oggi è diverso.

E' scemato il desiderio sessuale crudo, quello che cerca gli odori, le densità della carne, e forse proprio perchè dopotutto l'abbondanza di pornografia abitua, banalizza, non affamando che per poche ore.

Alla frustrazione vera non arrivo più: da ragazzo c'erano notti in cui i sogni erotici erano talmente popolati di donne nude, di fighe offerte in serie, di seni turgidi e gocciolanti, che il primo pensiero, al risveglio, era proprio 'oggi mi compro un film porno'.

L'attività di masturbazione non è diminuita in quantità, forse è anzi aumentata, ma quasi mai penetra nel sogno, dove ora dimorano i miei dei, i miei demoni asessuati.

Oggi sono cambiati il desiderio e le frustrazioni: la mia tristezza è conseguenza di una solitudine intellettuale.

E' grigiore attorno, e sto sprecando capacità di intendimento, ottundendomi: manca di brillantezza, di profondità la mia conversazione.

Credimi: rinuncerei alla tua fica se fossero l'idea, la paura del mio desiderio a tenerti lontana da me.

Nella donna il tesoro non è tra le gambe: è nella testa.

La fica è una risorsa, un aggiunta deliziosa, ma che può essere rimpiazzata da un porno, al limite da una puttana.

Fica, testa ...

Lo sai quale sarà il prossimo stadio, vero?

Sarà l'amore affettuoso, forse quello paterno.

Ma vedi dalla fica si passa solitamente alla passione, o all'affinità intellettiva, accumulando.

La fica è condizione necessaria della passione, come questa lo è dell'affinità intellettiva.

Questi tre elementi, assieme, o un insieme più ampio o diverso, portano poi a quella tenerezza che, ne sono certo, mi sfuggirà anch'essa.

Sunday, 24 June 2012

Il vuoto

La sostanza in cui fluttuo, un'approssimazione del vuoto, corrotta solo dalle necessità fisiologiche, fame, sete, sesso, che restano sempre incollate alla vita, è trasparente e oleosa.

La mai giovinezza

La mai giovinezza ...

Questo luogo è morto da tempo, te ne sei accorta anche tu, lo so bene.


Saturday, 23 June 2012

La peste

 La strategia di Pericle, che si rifaceva ad una lunga tradizione teorica, era semplice, apparentemente geniale: il dominio ateniese dei mari, mercantile e militare, avrebbe garantito un fluire costante di vettovaglie e beni di varia necessità in città, mentre le Lunghe Mura, che cingevano la Polis interamente e si estendevano fino ai porti del Pireo e del Falero avrebbero resistito facilmente alle forze spartane, inesperte in tecniche d'assedio, e la cui superiorità era schiacciante solo nelle battaglie in campo aperto, tra opliti.

Io lo conosco

Di nuovo, ho viaggiato nel tempo.

Questa volta non ho esplorato un'epoca a me ignota, non ho incontrato individui che la morte ha tenuto da me separati: sono invece tornato al 2004, per visitare i miei famigliari, ed un buon amico, nella nostra casa di montagna.

Friday, 22 June 2012

Incontinenza, aneurisma, dissecazione

Bel venerdi sera davvero.

Un'occhiata a qualche vecchio film, cinque minuti di un videogioco d'altri tempi, una lettura schizzinosa ad alcuni libri presi a caso dalla modestissima biblioteca che ho iniziato a costruire, e proponimenti per il domani.

Sciocchi pensieri circa Mozart

 Sono giusto dei video tratti da Youtube, quindi non aspettarti una qualità audio all'altezza.

Thursday, 21 June 2012

Questo è il mondo dove viviamo

 [Lettera spedita qualche settimana fa ad una cara amica].

Oggi è passata la fiaccola olimpica, qui a ##.

Tornavo con il ##, e poco dopo l'Università l'autista ci ha fatti scendere, annunciando una deviazione inopportuna per i miei proponimenti.

La mia vita


La mia vita è un capolavoro.

Wednesday, 20 June 2012

Silvia

Silvia e' quel punto, unico, in cui la vivacita' macchiata di una sensatissima malinconia di Oscar Wilde, lo spirito critico e indomito di Socrate, e la lirica lurida e sacra di Catullo, si addensano, convergono, si scontrano.

Tuesday, 19 June 2012

Il passato e' qui

Una volta di piu', e' arrivato in mio soccorso il sogno.

La frequenza, altissima anche per me, dei recenti intrecci onirici si spiega forse con una migliorata qualita' del sonno, o forse anche con una stanchezza eccessiva, e dunque l'insorgere di una accresciuta necessita' di ristoro, cui la mente provvede quando e come la follia della vita le concede occasione.

Monday, 18 June 2012

I miei complimenti, Gio!

 Se devo attribuirmi una qualità, io scelgo la fantasia, di certo non la capacità di esprimere in forma di parola le mie visioni fantastiche.

Sunday, 17 June 2012

Camillo, l'oscuro calzolaio islandese


Camillo è un calzolaio islandese che vive qui nel Regno Unito, qui in città credo.
Mia madre, non chiedetemi come sia possibile, lo conosce.

Saturday, 16 June 2012

Uomini e Topi


Uomini e Topi è uno di quei libri bastardi che leggi in un pomeriggio, e poi ti restano dentro, e fanno male, come una conchiglia rugosa inghiottita per avidità che punge le pareti dell'esofago, e non scende e non sale.


Il mare

 Ieri notte, al momento di coricarmi, ho chiuso gli occhi ben sapendo che dal cuscino sarei scivolato in fretta in un mondo d'incubo.

Ne ero convinto, dal momento che tutte le premesse necessarie perchè ciò si avverasse, si erano radunate attorno a me fin dalle prime ore del pomeriggio.

Friday, 15 June 2012

Non dimenticarti che ti amo

Quando ti sembro sciocco, non dimenticarti che ti amo.
Quando ti sembro distratto, non dimenticarti che ti amo.
Se non sono sensato, e' perche ti amo.
Se esagero, e' perche' ti amo.
Una reazione eccessiva, silenzi inattesi ... sono altrettante manifestazioni del mio amore.

La vendetta di un Dio


 Partecipo ad una vivace discussione, nel ristorante della Camera della Repubblica, davanti a senatori, ministri, faccendieri.

Thursday, 14 June 2012

Solitudine

 Stanotte ho sognato una prostituta di colore, una meravigliosa ragazza dalla pelle nera come l'ebano, lunghi capelli setosi, forme procacissime, e dalla mente perversa e dolcissima.

Wednesday, 13 June 2012

Adesso tocca a te

 Ti conosco, io.
Ti conosco bene.

Tu vieni su questo blog per guardare le foto delle bellissime ragazze che dipingono queste pagine, tanto numerose e folli che a volte danno l'impressione di trovarsi di fronte ad un mosaico dadaista composto di diverse, straordinare, illogiche tessere.

You are NOT a fucking loser


Cosa vuoi che ti dica: a volte è la matematica (matematica: disciplina; matematica: donna che si dedica a detta disciplina) a fornirmi le metafore più appropriate per un pensiero.

Tuesday, 12 June 2012

Il mio dono



Il mio dono sarà guardarti in silenzio, pensarti da lontano, cullarmi all'idea della tua felicità.

E' questa la forma d'amore più pura che conosca, ed io la vivo per te.

Non è una decisione, un impegno, una volontà a muovermi, trascinarmi, costringermi in tal senso, ma li mi ritrovo, ed è  questa rinascita una frazione di apoteosi: è il più ovvio e scontatato dei trionfi dell'affetto, di quella tenerezza che tu hai scoperto in me.

Cercami, se vecchie paure incontreranno nuove preoccupazioni, se non ti sentirai in grado di farcela, se tutto sembrerà negare i tuoi sogni: mi troverai, e sarò ancora ostinato a volerti bene, pronto a coccolarti, desideroso di prenderti in giro e tenerti per mano.

Sarò per te un molo sicuro, una baia segreta, un'insenatura di acque trasparenti, tranquille, miti.

Fino ad allora, tuttavia, non pensarmi, non temere che sia necessaria la continuità del contatto: ricordati di me quando lo vorrai, ricordati di ciò che siamo stati l'uno per l'altra, e di nuovo sarà realtà.

Monday, 11 June 2012

Il tempo

 Sto pensando molto, in questi ultimi giorni, al mio recente passato.

Un amico, collega durante gli anni del Ph.D., mi ha annunciato settimana scorsa l' intenzione di cercare lavoro nella città dove abbiamo lavorato assieme, e dove ho vissuto per quasi 5 anni.

Specchio


Questa è la mia immagine autentica.

Ho pensato che dopotutto uno specchio a questo serve, no?

Gli chiediamo di produrre una figura, che sia la più aderente possibile al vero.

Perchè allora insistere sulle guance scavate, sul naso aquilino, pronunciato e lievemente asimmetrico, sui i capelli castani, sottili e diradati, sulle orecchie a sventola, sulle spente cavità oculari?

Sunday, 10 June 2012

Quanti pensieri


Quanti pensieri al lavoro, oggi.

Ho passato buona parte del pomeriggio a riempire di parole un grande foglio.

Saturday, 9 June 2012

Oggi ho rivisto il mare

 Oggi ho rivisto il mare.

Delle nostre dolci onde mediterranee, estroverse anime spumeggianti che s'allungano oziose su spiagge porose e dorate, hanno ben poco i flutti che s'infrangono sulle aguzze scogliere  di questa terra perennemente spazzata da venti selvaggi, e le acque, abituate dall'origine del tempo a riverberare le tinte cupe di un cielo guasto di plumbee nubi, restano gelide anche nei mesi estivi, e non conoscono i tributi e le offese di bagnanti, nè i giochi allegri di bambini, ma solo il transito di colossali cargo commerciali o vascelli da guerra, squallidi come lattine accartocciate a sporcare quel grigiore altrimenti sublime.

Sei la bellezza


Ho sognato Silvia, stanotte, durante un viaggio in treno verso Milano, ed oggi mi è venuta l'idea di mandarle un'e-mail.

La scusa necessaria per contattarla, ormai è un'estranea, l'avrei trovata: in una conversazione di qualche mese fa accennava al temibile 'esame di stato' che stava preparando, e dunque avrei potuto chiederle l'esito di quella prova che so bene essere difficile, e solo prodroma a difficoltà ancora più grandi, ovvero quelle della compiutezza.

Friday, 8 June 2012

Superficialita', indifferenza

La presenza del corpo e' fondamentale in un rapporto d'amore, non foss'altro per una ragione cronologica.

Thursday, 7 June 2012

Una lunga confessione


Ho delle fobie ridicole, e questi difetti, differentemente da altri limiti a me ignoti, ho avuto modo di vivere coscientemente con il tempo, dunque li ho analizzato nei diversi stati mentali che hanno caratterizzato i momenti di gioia, mestizia, orgoglio, vergogna, e penso di essere riuscito ad addolcirli, almeno in parte, con gli anni.

Aiutami a dire Sticazzi!


Giulia Balbilla a me non interessava minimamente.

L'avrei ignorata in ogni circostanza, ma era dopotutto la migliore amica di Silvia, ed allora, ruffianamente, non volgevo lo sguardo altrove se c'era di che discutere.

Wednesday, 6 June 2012

Sensualita'

Un eccesso di bellezza puo' addirittura essere controproducente, ai fini della seduzione, e minare le basi dell'affetto.

Tuesday, 5 June 2012

Tutto è memoria?

 Uno dei più noti frammenti di Eraclito recita:

"Non si può discendere due volte nel medesimo fiume e non si può toccare due volte una sostanza mortale nel medesimo stato, ma a causa dell'impetuosità e della velocità del mutamento, essa si disperde e si raccoglie, viene e va."

Monday, 4 June 2012

Godere della vita

 Godere della vita: è questo uno dei miei fini.

Se devo valutare la mia condotta confrontandola con il piacere provato fin qui, non posso che essere deluso dai risultati ottenuti.

Come stai, Gio?

Io: In verita' si sopravvive

Basta non fidarsi mai del clima

Una giornata mite,
'le belle sere rosate',
quella porpora che dipinge di fuoco le falesie,
potrebbero indurti a pensieri soavi
di un clima finalmente dolce
affettuoso quasi

Sunday, 3 June 2012

Le delusioni e ...

 Impariamo dall'esperienze, e spesso con dolore.
Nell'insieme delle vicende che caratterizzano l'esistenza, solitamente diamo un'importanza sproporzionata a quelle nelle quali il male, la meschinità, la volgarità hanno tracimato, lordando idee pure, incrostando di una superficie opaca lo splendore, l'ampiezza dei sogni.

Saturday, 2 June 2012

La forza di un'idea


Mi detestano, gli uomini, gli uomini delle altre, quasi tutti.

Non perchè, è ovvio, mi vedano come minaccia.

Macchè!

Tette: un'idea rivoluzionaria


 Certo che l'umanità è stata portata avanti da degli imbecilli ... ed io, come investito da un alto principio etico, per senso civico mi ripropongo di contrastare, migliorare, far progredire questa massa confusa e corrotta.

La lettera, pudica, divertente, affettuosa perfino, di un'amica, nella quale costei accosta il mio peso a quello dei suoi seni, mi suggerisce un mondo nuovo, un mondo più sereno, morbido, soffice, candido!

Friday, 1 June 2012