Thursday, 31 March 2011

Casa mia

Stasera sono stanco morto.

E' da qualche notte che dormo male: mi sveglio nel cuor della notte, e fatico poi a riprendere il sonno.

Quando ero sereno



Una mia amica un paio d'anni fa prese a carezzare l'idea di imparare ad andare in moto.

Compromesso

"Lasciar le donne?
Pazzo!
Non sai ch'elle mi son necessarie piu' del pan che mangio, piu' dell'aria che respiro?"

"E avete core d'ingannarle voi tutte?"

"E' tutto amore ... chi a una sola è fedele, verso l'altre è crudele ...
Io che mi sento si esteso sentimento, vo' bene a tutte quante.
Le donne poi che calcolar non sanno, il mio buon natural chiamano ... inganno!".

[Don Giovanni e Leporello discutono di strategie aziendali]

Ho trovato la soluzione di minimo danno: devo infatuarmi di una ragazza altezzosa, superba, misantropa e possibilmente lesbica.

Una che non mi preferisca uno qualsiasi, ma al limite uno altrettanto fuori di testa, o meglio ancora una donna.

Eccellente, eccellente!

Mi torna il fiato in corpo!

Eh si, perchè forse una cosi la conosco di già!

Evviva.

Un deficiente e un giornalista

Vi prego, guardate questo video: dura pochi minuti, ed è davvero rappresentativo di molte cose.

Apprezzate la deficienza di questo manichino e la professionalità di un tipico giornalista anglosassone.



In questa intervista Frattini sembra uno studente che s'arrampica sugli specchi durante un'interrogazione, e che mentre annaspa già pensa a come maledire il professore durante l'intervallo.

Siamo governati dai peggiori teenager possibili: quelli fuori tempo massimo.

Il problema io lo conosco

Non lo dico spesso, ma penso sia ovvio ogni volta.
Io scrivo per trovare Alice, ma so bene che è tutto, temo, inutile.

Non solo perchè Alice non leggerà mai queste pagine, ma perchè anche se lo facesse, non mi vorrebbe conoscere.

Non si fiderebbe di me.

Anzi, l'Alice che piace a me addirittura starebbe li a cercare un punto di frizione, un motivo valido per ignorarmi.
Cercando questa ragione, non la troverebbe certo nel groviglio di ossa sgraziate, nella rottura di simmetria o nel nero di cui è vestito il mio cuore ... ma altrove dove io non so.

[A questo punto Alice dovrebbe tirarmi un calcio negli stinchi e dirmi: "Gio, adesso stai zitto e lasci parlare me!"]

Qualche volta

Me l'hanno detto, qualche volta.

'Pensa a quelli che stanno peggio di te'.

Sono ben cosciente che fisicamente peggio di me ci sono moltissimi.

Dopotutto io ho solo una severa sindrome di Mio Nonno in Cariola, una malattia che in molti casi è quasi invisibile e che a volte, nel mio caso, è assai manifesta.

Un medico brillante e altrettanto disumano, nelle sue mani ero come un campione da esaminare, rifiuto' di operarmi agli occhi perchè 'come te ce ne saranno due o tre in Italia, e non c'è statistica' e lui mica voleva rischiare la reputazione.

Figuratevi io, quando finalmente ne trovai uno che se la senti di operarmi, come ero tranquillo e sereno!

Sono messo maluccio, ma riesco molto meglio di quanto non ci si potrebbe attendere.

Cammino, vado in moto, e anche se tutto mi costa fatica riesco ancora a condurre una vita attiva e indipendente.

Il problema è la testa.

Io sono una tartaruga con il cervello di un ghepardo, un pinguino con la mente di un aquila, un moscerino con la materia grigia di un elefante.

E un uomo con i sogni di mille uomini.

Wednesday, 30 March 2011

L'esigenza

L'esigenza di scrivere, di occupare la mente per 5 minuti, tenerla lontana dall'insidie, cresciute a dismisura negli ultimi tempi, mi ha portato a contaminare questo blog con molteplici scritti indegni.

Il metodo delle caratteristiche

Il metodo della caratteristiche è una tecnica di risoluzione di equazioni alle derivate parziali, o PDE (partial differential equations).

L'idea è quella, ad esempio per funzioni di due variabili u=u(x,t), di parametrizzare il piano con curve (x(t),t), lungo le quali la funzione u(x,t) sia costante.

Come è evidente a ogni studente di matematica con master in analisi funzionale e tesi di dottorato in algebra superiore, il vantaggio di tale tecnica risiede nel fatto che u(x,t) puo' quindi essere specificato dal valore iniziale, solitamente quello assegnato a t=0.

Insomma, abbastanza ovvio, no?

Particolarmente semplice è il caso dell'equazione d'onda, per il quale le curve caratteristiche sono rette passanti tutte per un punto, e l'intersezione sull'asse delle ascisse permette di affermare che ...

Ma scusa, hai capito qual è il concetto fondamentale?

E' il dato iniziale!

Tu sei su una curva caratteristica!

d (u(x(t),t) / dt = 0, con dato iniziale a sua volta identicamente nulla, nero catrame, inferno di cenere e lapilli.

L'unica speranza è quel punto in cui tutte le rette convergono.
In quel porto franco, speri di toccare un destino non tuo.

Alice, per altro, è una matematica.

Giocare a pallone

Quello che mi propongo di fare non è diverso da quanto, in passato, ho già dovuto praticare.

Da bambino amavo giocare a pallone.

Gio, sei un cretino

Ma che cosa hai combinato?

Ti vai a ficcare in mezzo ai guai e poi hai il coraggio di lamentarti?

Un pesce fuor d'acqua

Mi compiaccio dei miei sogni, della mia capacità di prendere elementi del reale, usarli come ingredienti, pesandoli con coefficienti reali o immaginari, dell'esperienze che vivo la notte.

Sono in un immenso emiciclo, un luogo a metà strada tra l'aula universitaria dove ho seguito le lezioni del secondo anno e un teatro.
Siedo nella quarta o quinta fila, e attorno a me sono molti.
Tutti, attenti, seguiamo in video-conferenza un congresso scientifico che si sta tenendo in un paese lontano, e al quale io stesso avrei partecipato se non avessi avuto tanti impegni in queste settimane.

Tuesday, 29 March 2011

Paura

Va bene, adesso per un po' cercherò di far finta di niente, di non pensare - non vedere - non ascoltare.

Quello che a me piace

A me piace questo:


Ho deciso

Oggi ho deciso che non sono solo come un cane rognoso perchè sono un deforme mostro con la mente piena di scorpioni e coaguli di sangue nero al posto degli occhi.

Ho deciso che sono solo perchè sono un artista.

Domani mi inventero' qualcos'altro: daro' la colpa al mio essere un sognatore, un poeta, una persona gentile, meditabonda.

O al mio essere schietto, brutale, e troppo ironico.

Per le poche ore di oggi che rimangono prima che anche questo giorno venga inghiottito dalla solitudine, voglio vedere se funzionerà.

Questo è quello che in fisica si chiama un 'ansatz risolutivo'.

Un altro incubo

Una nottata terribile.
D'altra parte come attendersi altro quando la si affronta sulle note di Camille Saint-Saëns?

Sono seduto presso un tavolino all'aperto, nel parco nel quale è immerso il mio condominio.
E' l'ora del crepuscolo, e con mia madre chiacchiero del piu' e del meno, tranquillamente.

A un tratto lei mi abbandona, per raggiungere mio padre che si trova piu' in alto, seguendo la collina, dove c'è la fermata del bus.

Da solo aspetto che la sera scenda, e con essa vedo arrivare anche una pioggia insistente, molesta.

Da lontano vedo le finestre del mio appartamento: sono l'uniche, tra tutte, con le luci accese.
Io pero' sento che quella non è piu' casa mia.
Anzi ... perfino il parco non è piu' quello che conosco, e diventa intricato come una foresta, e suoni lugubri rimbombano nelle mie orecchie.

Fa freddo, e decido di salire verso la collina.

Faccio pochi passi, e m'accorgo che un figuro, in un impermeabile avvolto, sta pure risalendo il sentiero.

Allora mi ricordo che un assassino ha già colpito numerose volte per quei viali, e con il cuore in gola affretto il passo.
Ogni volta che mi giro, tuttavia, lui è sempre li, alle mie spalle, sempre piu' vicino.

Quando ormai mi è addosso ... mi ricordo che io sono l'assassino senza pietà che tanti innocenti ha ucciso.

Monday, 28 March 2011

Il cuore

Il cuore è un tessuto.

Si strappa, si lacera.
Puoi metterci una toppa, non torna mai come nuovo.

E quando è in brandelli ...

Senti freddo.

'Non me lo merito'

Ecco, quella frase da me non la sentirete proprio mai.
E se mai la pronunciassi, giu' botte, vi prego, perchè quello è un viatico che porta molto male.

Quello che dico invece è che io sono convinto che potrei essere un amante, un compagno, un amico meraviglioso.

Irresistibile.

[Dai, fatti viva tu che io sono miope e non ti vedo!]

English letters

Basta depressione su questo blog: quindi continuo a mettere vecchie lettere scritte, e a volte pure risposte.

In english.

Lei mi scrive:

E' una giornata perfetta

Uno scooter rovesciato sull'asfalto, ambulanze, polizia.
Un burino e una bella ragazza che camminano mano nella mano.
Mi vergogno di non riuscire ad essere felice per loro.

Quello che cerchi di non vedere, il caso te lo sbatte in faccia in modo brutale: lo scooter, il burino con la bella, ... e tu che fai schifo.

Dentro.

Angoscia

Sono in un letto d'ospedale, e poggiato ad uno schenale reclinato parlo sottovoce con mia sorella.
La stanza è poco illuminata, e al mio fianco riposa un altro malato.

D'un tratto prende a parlare nel sonno e dice 'La guerra del Peloponneso l'ha vinta Atene!'.

Sunday, 27 March 2011

Qualcuno riesce davvero a meravigliarsi?

Basta prenderci in giro, dai.

Almeno, basta prendersi gioco della nostra intelligenza.

Questo, davvero, non lo sopporto.

Pochi anni fa, continuavo a scrivere cosi

La prima amica mi rispose che non conosceva nessun negozio in particolare, e mi consiglio' di chiedere ad una collega.
Cosi le scrissi.

Saturday, 26 March 2011

Tantissime

Oggi sono tornato, dopo tanto tempo, a camminare in città.

Ho parcheggiato lungo il fiume, e ho iniziato la mia passeggiata sotto una pioggerellina leggera.

Una strana calma, cosi diversa dai sentimenti distruttivi che di solito mi agitano in queste sere solitarie, s'era impossessata di me, e silenzioso, lentamente, ho preso a girare per quelle viuzze strette, che sono animate la sera del sabato da una vitalità gaia e spensierata.

Davanti uno dei piu' noti night club del centro, una ballerina di lap dance, fumando tra un numero e l'altro, se ne stava sotto un'insegna luminosa, con tutta la mercanzia in bella mostra.

Minigonna che lasciava davvero poco spazio all'immaginazione, pettinatura aggressiva, trucco eccessivo, tacchi vertiginosi: ne guardavo le gambe nude, lunghe e snelle, cercando di trovarvi qualcosa che giustificasse l'ardore dei suoi adulatori ... ma davvero era nulla di speciale ai miei occhi.

Erano invece tantissime le belle ragazze qualsiasi.

Quante cosce nude, di quelle che davvero fanno primavera, ho visto stasera!
E quanti occhialini impudenti su visi allegri e sfrontati!

Sono stato in quel locale dove di solito suona il jazz.

Stasera pero' era musica elettronica, di quella che le ragazze ballano ancheggiando, tenendo il ritmo con il gesticolare delle loro mani, abbracciandosi alle volte l'una all'altra, a riempire quel locale illuminato da scie colorate e colmo di vapori densi.

Erano tantissime.

Ed erano belle.

Quando ero allegro, scrivevo cosi

La mia molto esosa sorellastra verrà a farmi visita nel weekend.
Ha avuto l'incredibile faccia tosta di chiedermi senza giri di parole di un bel negozio di borse et corbellerie simili.
Ovviamente non sono a conoscenza di alcun bottegaio che non sia coinvolto nello spaccio di generi alimentari (in supermercati we trust).
Conosce lei forse artigiani dediti all'intreccio di giunchi, pelli et asole?
Pensavo in effetti di unire l'utile (supermercato) al dilettevole: penso che pero' una graziosa borsa della spesa (una Tragtasche di quelle strafighe nere)
non sia abbastanza.

Porgo cordiali saluti.

Gio

Perchè sono solo

L'ho capito pochi minuti fa, mentre passavo l'aspirapolvere.

Io sono solo perchè non do nessuna possibilità alle donne di conoscermi.

Un sogno troppo strano perfino per me



Per tenere una lezione privata, mi reco a casa di un mio studente.

Friday, 25 March 2011

Vestita

Mi piace fare l'amore con te vestita.

Così, ogni volta che ti vedo, al lavoro, se ci troviamo per caso in città, o mentre facciamo spese, nei tuoi completi eleganti, in un paio di jeans e maglietta, in gonna lunga e un po' zingara, sei sempre desiderio ardente.

Non serve la nudità, perchè la sensualità t'appartiene.

Il principio di indeterminazione di Gio

E' una versione lievemente modificata del principio di indeterminazione di Heisenberg.

Oh, a proposito, lo sapete che i fisici sono dei pessimi amanti?

Eh si, perchè quando hanno l'energia non hanno tempo, quando hanno tempo non hanno energia!
E per di più quando trovano la posizione non hanno il momento, e se hanno il momento ... non trovano la posizione!

(fortunatamente questa non verrà capita, evitandomi degli insulti che pure meriterei).

Ma anch'io vivo in un mondo governato da un principio di indeterminazione.

Lega intensità, brillantezza e tempo: il prodotto tra queste due quantità è minore di una costante, che chiameremo vivacità.

Insomma, non so come dirvelo.

Ho usato la mia brillantezza, ho dato quello che avevo.
E non è bastato, anche per una questione di strumentazione, a farmi desiderare.
Certo, la questione è proprio anche circa l'unità di misura, la grandezza misurabile.
Io offro brillantezza, qualcosa di comunque impalbabile, e qui si mercanteggia d'altro.

Non voglio recriminare, per carità.
Ma adesso ho finito le scorte, e sono come un gabbiano senz'ali su uno scoglio in mezzo al mare.
Non riesco più a volare.

E' così.

Zombie

Finalmente un bel sogno divertente, con un sacco di ultra violenza gratuita, e comunque anche un messaggio di fondo.

Un sogno alla Kubrick, insomma.

Ringraziamenti

Alla fine di ogni tesi c'è sempre una pagina di ringraziamenti.

Melassa allo stato puro!

Si trovano parole buone per tutti: parenti, amici, professori, colleghi, tassisti, lattai, vicini ...
E ovviamente per la propria ragazza.

'Ringrazio Lisa, che mi è sempre stata di supporto, anche nei momenti difficili'.

Oh, per me sarebbe totalmente diverso.

I momenti difficili sono miei, e spero che quando ho le mie lune storte lei, la mia ragazza, la mia amante, la mia amica, se ne stia lontana, perchè mica si puo' fare molto in certi casi.

Piuttosto ... parliamo di cose serie.

'Ringrazio tutti ... a parte Alice, la mia ragazza [o amante, o amica].
Alice in effetti è la vera e unica ragione per la quale ho tirato per le lunghe il mio Ph.D. Certo! Perchè fare l'amore mediamente due volte al giorno, pensarla notte e di' impiegare ore e ore per scriverle lettere, disegnare omini stilizzati innamorati, inventarsi nuovi modi per farle sorridere, o emozionare, o piangere ... beh ... tutto questo ha posticipato di molto il raggiungimento dei miei risultati. Non ringrazio Alice, perchè è sempre stata lei la mia priorità in questi anni, altro che questo titolo accademico!'.

Thursday, 24 March 2011

La fame

Non è solo il corpo ad essere affamato.
Lo è la mente.
Non voglio dire il cuore.

Si fa presto a placare la fame del corpo.
Torna subito, è vero, ma sempre sai come chetarla.
Nello stesso modo dell''ultima volta, no?

Della mente è insaziabile, e più l'alimenti più cresce.

E finisce per divorare me stesso se non ci sei tu.

Del mio cuore ...
Del mio cuore io non voglio sapere.

[Nella foto una donna bellissima e affascinante: Carla Bissi, in arte ... Alice].

Giocare

Su quel forum al quale mi sono iscritto ... mi sto divertendo da matti!

Wednesday, 23 March 2011

Uno dei vantaggi ...

Uno dei vantaggi dell'essere davvero a fondo, è che peggio non può andare.
Domani non potrai essere triste come oggi.
Coraggio, Gio!

Parlaci un po' di te.

Detto, fatto!

Grazie del benvenuto.
Seguo il consiglio di Gino e do una breve descrizione di me.

Quando sei proprio a terra

Peggio di cosi, restando nel novero della vita normale, veramente non puo' andare.

Contare fino a un milione

Contare fino a un milione.

E nel frattempo capire se si sia piu' schifati, delusi, soli, sofferenti o semplicemente sfigati.

Tuesday, 22 March 2011

Ma tu sei pazzo Gio

Davvero, sei pazzo.

Tabula Rasa!

'Allora, lo facciamo?'

Un attimo di silenzio.

Adesso è il momento di decidere, tergiversare non è più possibile, ragazzi!

Ne avete parlato spesso, avete fatto tutti i calcoli necessari.
Sapete di poterlo fare, sapete di averne il tempo, prima che capiscano, prima che ve lo impediscano.

'Per me ok, e tu Luca?'

'Anche per me. E tu Gio?'

'Certo che anche per me va bene Alice!'.

Eccoli, i tre top gun dell'esercito italiano, pronti per partire.
Confabulano tra di loro, si danno l'in bocca al lupo.
Così credono i generali di brigata che, dall'alto della torre di controllo, li guardano partire.

Tre caccia italiani armati per una missione di guerra vera.
Destinazione, sulla carta, Cirenaica.
Nome della missione 'Odissey Dawn'.
Destinazione, nei cuori, Roma.
Nome della missione 'Tabula Rasa'.

(si capisce che sono ironico, vero? Non vorrei la Digos alle calcagna ;-) ).

Ovvio, no?

Bisogna esserne capaci, altrimenti si rovina tutto.

Non c'è nulla di moralmente squallido, è solo difficile, e se il rapporto è profondo lo è ancora di più.

Non so se lo riuscirei a fare, e comunque dovrebbe essere lei per prima a farmi capire le sue intenzioni.

Certo, perchè io mica me la immagino una simile eventualità.

Difficile però resistere se c'è attrazione di qualche genere, non necessariamente fisica, o un'affinità, o semplice curiosità, non credi?

Regole chiare fin dall'inizio, e sincerità.
Perchè non vogliamo farci del male, vero?

[PS: Questo è quello che Einstein avrebbe chiamato un Gedankenexperiment, ovvero un esperimento del pensiero.]

Insonnia e pensieri

Ieri, tanto per cambiare, l'insonnia mi ha tenuto compagnia.

Esauriti i pensieri sciocchi, quelli sul lavoro, sulla politica, ho iniziato a riflettere sulla mia vita.

Monday, 21 March 2011

Che disastro

Gheddafi è un criminale sanguinario, e se schiattasse domani lui con tutti i suoi figli, io sarei il primo a ballare la Samba sulla loro tomba.

Dominante o sottomesso?

Qualche tempo fa una mia amica che mi conosce come forse nessun altro, e che ha una capacità straordinaria di vedere dentro le persone, con tutte le cautele del caso mi ha detto che, secondo lei, io ho una personalità parzialmente dominante.

Sunday, 20 March 2011

Concave e convesse

Una figura geometrica è detta concava se, presi due punti qualsiasi della sua superficie, un segmento che li unisce non giace necessariamente per intero entro i suoi limiti.

Saturday, 19 March 2011

Scrivere d'umanità

Inizio a scrivere pensando a un pensiero di Spinoza che Ipazia mi ha citato un paio di volte:

Il mio lato oscuro

C'è un conflitto terrificante, e forse squallido, che mi lacera dentro.

E non voglio usare sinonimi, ma dare il nome esatto a cause, colpevoli, rimedi.

Ti ho sognato stanotte.

Ti ho sognato stanotte.

Friday, 18 March 2011

Assassinio

Penso spesso all'assassinio, inteso esclusivamente come oggetto della mia creatività di scrittore dilettante ovviamente.

Il mio amore per la fisica

Fin da bambino ho avuto una passione spiccata per la 'magia' e la 'scienza'.
Ovviamente a quei tempi non avevo alcuna idea di cosa 'magia' e scienza' fossero, e nella mia mente questi due termini erano quasi sinonimi.
Un mago, proprio come uno scienziato, era capace di fare quello che gli altri non sapevano fare, era in grado di meravigliare, con naturalezza, la gente.

Fischiare quando passan le ragazze ...

No, quello non lo faccio.

Pero' se ce n'è una che entra assieme a me in ascensore, e indossa occhiali scuri, e una maglietta da spiaggia, come posso fare a meno di squardarla con occhio indagatore, e quindi dirle di botto:

'You're going to California, aren't you?'.

(e tenete presente che non l'avevo mai vista in vita mia, nè mai la rivedro', e che non era neppure il mio tipo).

Viva la libertà

Saranno giorni terribili, i prossimi, in Libia.

Thursday, 17 March 2011

A che ora hai il treno?

Che bella sorpresa!

Sei venuta a trovarmi al lavoro.
E visto che c'è una scrivania libera in una delle aule deserte, sei qui a lavorare con me.

Fuori il cielo è grigio, e piove da stamattina, e per me ogni occasione è buona per passare a salutarti.
Ti porto caffè e biscotti, e se devo ritirare delle stampe allungo un po' il cammino per passare davanti la porta, semi aperta. E non ho mai stampato tanto quanto oggi, sai? E ti vedo, e ogni volta tu mi sorridi, perchè lo sai bene che mi sto inventando di tutto pur di passare li.

Pur di guardarti un secondo solo, perchè io ti adoro.

'A che ora hai il treno?'

'Alle 7 e un quarto, mancano ancora piu' due ore'.

'C'è un bell'albergo giu' in città, davanti al ristorante dove ti porto di solito. Ci sono stato un paio di volte, quando passavo di qui come semplice guest, quando ancora non vivevo qui. Possiamo arrivare li in un quarto d'ora. E da li alla stazione bastano altri dieci minuti. Abbiamo un'ora e mezzo per fare l'amore. Dai, andiamo!'

Sognare Renzo Rossi

E' sera, e con Renzo Rossi, Hajer Fezzani, la tunisina recentemente salita agli onori delle cronache perchè indicata come coordinatrice della Lega nord in un paesino lombardo, e suo figlio adolescente sono in una strada desolata, forse nella periferia di una grande città, in una zona di industrie dismesse e malinconia densa.

Italia e Italiani

Mi torna alla mente una trasmissione televisiva condotta da Indro Montanelli, Vittorio Foa e Beniamino Placido.

Wednesday, 16 March 2011

L'intervista

Qualche tempo fa un giornalista che lavora per l'associazione mi ha rivolto una piccola intervista: visto che il mio tedesco è indecente, ho risposto alle domande in italiano, e qualcun altro ha poi pensato a tradurle in tedesco.

Io non lo faro' mai


Io non lo faro' mai.

Non cerchero' mai di sedurre una donna che già vive una storia d'amore, o anche di semplice, soddisfatta, relazione di coppia.

Fotografia

L'idea me l'hanno data la lettura del blog di Modesty e un frammento di Eraclito.

Tuesday, 15 March 2011

Il metodo zio Giacomo

Mio zio Giacomo è un gran mattacchione, e già quando eravamo bambini ci tirava tranelli e insidiava con trabocchetti diabolici.

Monday, 14 March 2011

Onestamente ...

'Colpa di sti giudici comunisti del cazzo che non lo lasciano lavorare'

Democrazia

Ogni tanto capita.

Ogni tanto, io e Alice scambiamo due parole.

Una

Amica mia,

la ragazza di un mio collega è una pittrice giapponese.

Sta organizzando un evento di raccolta fondi per il proprio paese, sconvolto dal recente, terribile sisma.

Sarà un'esibizione di varii artisti dal paese del sol levante quella, e si terrà qui in città tra circa due settimane.

Io probabilmente ci andro'.

E tu?

Sulla qualità tecnica dell'esibizione non si discute, ma sarà soprattutto un modo anche per ricordarci, e dimostrare, che l'umanità è una.

A presto,

Gio

Lo sto facendo davvero

Stamattina un insistente mal di testa mi ha tenuto lontano dalle solite attività, lasciandomi tutto il tempo necessario per pensare alle occasioni, non ne mancano di certo, in cui io sono stato un vile.

Me ne ricordo una in particolare.

Sunday, 13 March 2011

Maledetti imbecilli!


'Passatemi l'agente Carson, subito, è un'emergenza'
'Chi parla?'

Italia

Metto a confronto due giornalisti, con l'intento di dare un'immagine della decadenza verticale ma spero non definitiva che l'Italia sta vivendo ormai da anni.

La sua voce

E' venuta a trovarmi, finalmente.

Le finestre di casa mia erano tutte aperte per le pulizie del sabato, ed era un sole tiepido a entrare nella stanza da letto, a carezzare le lenzuola stese.

Dal salotto sentivo cinguettare un uccellino finalmente gioioso del primo tepore, e se passavo in cucina trovavo a rispondergli, da un alto ramo, un suo collega pennuto.

Benvenuta, primavera.

E' una trappola!

Dell'incubo di stanotte, è stata Patty Pravo ad addormentarmi, ho solo un vago ricordo, e forse il sogno stesso è stato confuso, somma di immagini più che concatenazione di eventi sensati.

Saturday, 12 March 2011

Una persona seria

"Vostro onore, signori della giuria, membri rispettabili di questa corte ...

La tesi che mi accingo a difendere, lo confesso, potrebbe sembrar fare acqua da tutte le parti.

No, non c'è problema

A un certo punto, dopo tutti i complimenti che le ho fatto (esempio 1, 2, 3, 4... e potrei andare avanti ancora molto a lungo, perchè ogni complimento che faccio a una donna lo faccio a lei), si sentirà un po' in imbarazzo.

Eh si, perchè lei ha già un ragazzo, come giustamente ti ha fatto capire un collega, o il semplice buon senso suggerisce.

'No, non temere, non sono innamorato di te [ed è vero, badate bene]. Ma se per caso hai una gemella a te identica non solo nel corpo ma anche nell'animo, e se questa tua altra forma è single ...'

(e lei a quel punto s'immagina che le chiederò di presentarmela, ma io mica sono scemo!)

'... potresti considerare l'ipotesi di scambiare la tua vita con la sua, mettere lei assieme al tuo ragazzo ... e lasciare che noi due ci si possa conoscere di nuovo, in un mondo in cui tutti e due siamo single e bellissimi'.

Scusa un attimo ...

'Scusa un attimo ...'

e ti pieghi un poco in avanti, in modo tale da vederne bene gli occhi, attraverso quella stretta fessura tra la lente degli occhiali e il sopracciciglio.

Poi, ritraendoti aggiungi.

'Ah, nocciola. Non sapevo che il mio colore preferito per gli occhi fosse nocciola'.

E dentro di te pensi ... sei bellissima!