Tuesday, 17 August 2021

Scrivere

 In questo mio diario, da anni, riverso pensieri, ricordi, e l'amalgama e' spesso l'immaginazione che mi porta a traslare lontano da me cio' che sono stato, chi potrei essere.

Molto di quel che ho raccontato e' vero nel senso che e' mio: perfino nei racconti fantastici, come nei resoconti fantasiosi o parziali (come ben sai spesso altero nomi, luoghi, circostanze per proteggere la privacy di chi frequento, al punto che in effetti a volte rischio di perdere io stesso il filo del discorso), anche se confuso dall'immaginazione, tu puoi trovare la mia esperienza, che esprime paure, sogni, desideri.

Perche' queste parole?

Beh ... e' semplice: in un non periodo come quello che stiamo vivendo, in una lunga apnea, in una prolungata anoressia, trovo di nuovo conforto nella fantasia. E mi perdonerai se a volta e' oscena per la semplice ragione che molto piu' spesso e' dolce e gentile.

Mi sto domandando se ci sara' ancora spazio, nella mia vita, per l'amore. Per non perdere del tutto contatto con questo sentimento, popolo i miei pensieri di donne, giardini, foreste, citta' remote ...

E' tutta una vita che sogno ad occhi aperti - perche' il dolore per me e' cominciato prestissimo, e non e' mai svanito. E mi ha permesso di rendere sacro quasi tutto quel che mi e' capitato.

Parlavo con una ragazza, qualche giorno fa. Lei mi spiegava che si', il Covid ha scombussolato le nostre vite, ma ci ha insegnato che ... ci ha fatto notare che ... ci ha costretto a riflettere circa il fatto che ...

Ragazzi, ma anche basta. Chi di noi ha avuto una vita dolorosa non aveva bisogno di questa lezione, per quanto un ripasso ogni tanto possa aiutare a scacciare la superficialita' delle abitudini. Ma il problema vero e' che sta durando troppo. E c'e' chi non ce la fa piu', e non crede ai sogni, alla fantasia come dimora parallela. 

Quindi, Covid, levati dalle palle e lasciaci vivere.

Ti prometto che continuero' ad essere civile, ti prometto che non mi trasformero' in un consumatore compulsivo di beni o persone. La mia vita continuera' ad orbitare attorno alla bellezza, alle donne, ai boschi, all'amicizia, all'amore insomma.  E continuero' a raccontarti quello che mi passa per la mente e cio' che ho vissuto del Mondo.

4 comments:

  1. Sì, hai ragione, ma anche basta!

    Sono stufissima di tutte queste restrizioni, impossibilità di viaggiare, ma anche solo di lavorare dall'ufficio, prendere l'autobus, scambiare due chiacchiere con i colleghi...

    Spero tanto che si torni presto ad una "vera" normalità.

    Giulia

    ReplyDelete
  2. Ho bisogno di leggerti sai a volte? Sai ritrovare in me briciole di positività celate dall'apatia o da innumerevoli paure.
    Hai ragione quando parli di chi ha sofferto da sempre questo Covid non ci voleva. Purtroppo vogliono distruggere la razza umana, ed difficile opporsi se chi ci governa non ci difende. Anzi partecipa a tale distruzione. Bisogna aggrapparsi alle piccole cose, in attesa forse delle grandi se ancora sarà possibile riaverle.

    Sii forte, torna presto, scrivi sempre.

    Ovunque tu sia ti abbraccio

    ReplyDelete
    Replies
    1. Dobbiamo recuperare il più presto possibile la nostra serenità, o rischiamo di collaborare in prima persona alla nostra distruzione. Un abbraccio :-)

      Gio

      Delete