Tuesday, 17 April 2018

Ma che vita è questa?

Stamattina l'intero dipartimento si è riunito per tributare i giusti onori a due professori, i cui meriti scientifici hanno dato lustro alla nostra scuola.

Caffè, biscotti ed un'immensa torta alla crema (ora che l'ho assaggiata so qual è il sapore delle nuvole) premiavano il genio e l'impegno di questi luminari che sono i miei colleghi.

Io chiacchieravo con un ragazzo giapponese, poi la simpatica segretaria che in gioventù dev'esser stata una bellissima donna, ed intanto poggiavo i gomiti ad ogni sporgenza, per alleviare un poco il mal di schiena, cronico compagno di 30 anni.

Ero per tornare in ufficio quando una donna, premurosa, gentilissima, mi ha chiesto come andasse la mia schiena 'chè ti ho visto dolorante'.
Ed ha fatto un gesto per simulare la mia postura, non curva, le sbarre metalliche mi costringono in una posizione di rigidità che non ammette deroghe, ma inclinata in avanti.
...
Dio che schifo che faccio non lo puoi immaginare.
Te lo spiegherò un'altra volta.
...

Con questa dolce signora ho parlato due volte.
Anche la prima occasione è stata la mia schiena l'oggetto del discorso.

Mi ha chiesto del mio problema.

Ed io le ho detto che la schiena è solo un male minore, che poi c'è il cuore, gli occhi, tutte le ossa.
E sorridevo, e dicevo 'beh, cosa posso farci? A 13 anni stavo molto peggio!'.

Si, a 13 anni era peggio.
Ma avevo sofferto solo 4 anni.
Ormai io non mi ricordo neppure come sia non sentire dolore, non essere assediati dal male.

Ed uno come me cerca pure l'amore? E l'amore di una bella donna addirittura.

Uno che suscita tenerezza in una donna di forse sessant'anni, e che non ha futuro, di nessun genere.

Gio, mavaffanculo!
Mi hai rovinato la vita.

4 comments:

  1. This comment has been removed by the author.

    ReplyDelete
  2. la società è malata di apparenza,è vuota. molti arriveranno alla morte senza aver capito un cazzo

    noi manteniamoci oltre benchè le nostre sofferenze tu fisiche io dell'anima stiano consumando gli anni migliori.

    vaffanculo vita che sai solo di merda.

    ReplyDelete
    Replies
    1. È pure peggio di così.
      Non è solo chi vive di apparenze a fraintendere, ignorare o scientemente scegliere altro da me. Per te c'è speranza, ne sono certo :-)

      Ciao M!

      Gio

      Delete
  3. conosco molto bene quanta fatica costa entrare in un cuore che ci incanta se non rispecchiamo la realtà perfetta della normalità.
    in maniera indiretta è giunta a me una tale conoscenza su tale argomento, ma non ti diro' mai arrenditi e molla, smetti di cercare sebbene hai molta della ragione tra le mani.

    armati di pazienza, scruta, cerca, osserva più del dovuto e non perdere la speranza a volte la vita di merda fa nascere un fiore.

    ti abbraccio Gio.

    ritrova la tua luce oggi, sempre. :-)


    ReplyDelete