Wednesday, 10 January 2018

Ex falso quodlibet

Oggi tutto cambia.

Oggi sono morto, con un sorriso sincero e sofferto dipinto sul viso, ed oggi sono rinato cadavere.

Qui non vale il principio di non contraddizione, ed, appunto, ex falso blablabla.

...

Oggi davvero puoi festeggiare il mio funerale.
Non è un suicidio, ma vi somiglia.
Mi levo il peso di speranze sciocche, ma anche quello di preoccupazioni nobilissime.

Non provo la crudeltà di chi un giorno mascherò in poesia il proprio astio, in quel 'all'apparire del vero tu misera cadesti' che somiglia un po' troppo ad una ripicca.

Anzi.

Gioia infinita, pura come ciò che solo uno spirito privo di cupidigia, un defunto appunto, può esperire.

Adesso so che tutto è vano, e mi sento alleggerito dalle aapettative della poesia ed i pensieri elaborati della prosa.

Osservo castelli di sabbia o palazzi in cemento armato, e non vedo che atomi slegati tra loro.

È finita.

Quella vita li è finita.

Tra un mese avrò ospiti cari amici.
Poi, se tutto va come spero, mi godrò una solitudine perfetta, non temperata da convenzioni e galateo, fino all'autunno.

No comments:

Post a Comment