Saturday, 23 September 2017

Evoluzione del rifiuto

Ovviamente con Dalila è andata male.
Mi vuole come amico, come sempre.

Poca sofferenza, chè ormai è passato quel tempo.

Ora, ora che ormai sono un orco ottuso, più che altro penso al tempo perso in questa folle idea. E andando a ritroso, mi rammarico di tante attività alienanti, di ogni libro letto, di ogni progetto congetturato, di ogni euro speso per musei, concerti, teatri, che ho così sottratto a bordelli e puttane - quelle si attività affini al mio destino.

Ma appunto mi spiace soprattutto per ciò che è irrimediabilmente perso: il tempo,
L'ho perso io, ma ancor più lei, che per vedermi si è fatta ben più ore di treno di me.

Per che cosa?
Per niente.

Gio, ma ti sveglio o no, coglione!?

Sei troppo deforme per l'amore.

Adesso mi prendo una lunga pausa.

Auf wieder sehen.

7 comments:

  1. ora mi incazzo..
    1- non si può sentire che ti dispiace per il tempo che lei ha perso.. Lei non ha perso un fico secco, ha fatto una cosa che in quel momento le andava di fare. Se a lei, di quel tempo non è rimasto che una manciata di polvere in mano.. bè cazzi sua.

    2- Non devi spiacerti neanche per il tuo tempo speso se lo ai speso facendo qualcosa che in fin dei conti ti ha dato una sferzata di vitalità.

    3- cito: Sei troppo deforme per l'amore. Bella minchiata.
    Se hai un problema non è nel corpo storto. è nella testa, che più storta del resto!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Barbara, ti confesso una cosa: io sono un visionario.

      Ieri è stata una giornata bellissima, a parte quel 'friends' a pranzo. Siamo stati assieme fino a quasi mezzanotte, e lei è una donna meravigliosa. Tornando a casa mi sono voluto concentrare su quel 'friends', e liberarlo come una droga dentro di me. La mente è brutale e potente. Nessuno ha perso tempo, ma sono riuscito a vedere, in una vita che si sovrappone alla mia solo in alcuni punti, una disperazione sublime. Mi sono fatto un viaggio mille miglia lontano, e ne ho scritto e sentito. Non è Gio a parlare qui ... è Gio ad ascoltare e trasmettere.

      Ciao bella :-)

      Gio

      Delete
    2. Cmq il dispiacere sarebbe solo per il mio tempo perso, non per il suo. Per quello ci sarebbe solo stupore, immenso stupore. Possibile che una donna si faccia 5 ore di treno per 'amicizia'? Io non li farei mai, di certo non tanto spesso.

      Delete
    3. Io mi farei tutte quelle ore di viaggio solo se l'amico fosse sul letto di morte.
      Per il resto no, non viaggio così tanto solo per amicizia, o solo per il sesso. Lo faccio perchè ne ho bisogno o perché ne traggo genuino piacere.

      Ho viaggiato per la passione che mi animava. Per l'amore che neanche troppo segretamente nutrivo.

      Però ho chiamato amico uno per cui provavo più che semplice amicizia, ma era difficile ammetterlo. A volte si prova qualcosa di più dell'amicizia per qualcuno che ci piace ma che non siamo pronte a volere così com'è. allora ci nascondiamo dietro l'amicizia, per tenerlo vicino ma al contempo lontano.
      A volte abbiamo paura di volere qualcosa di più.
      In fondo, a volte, quello che vogliamo non lo sappiamo nemmeno noi.

      Delete
    4. Tra un mese riparte per il Canada ... ma non può essere questa ragione, cui ha accennato, a sostenere una separazione comunque dolorosa. Forse teme che una sensibilità diversa dalla sua le penetri il cuore. O forse non vuole che le metta le mani addosso. Forse ha paura, perchè no, di farmi male, emotivamente, o nel sesso , in un modo o nell'altro. Ma queste ore di treno, in sole poche settimane ci siamo visti sempre ad almeno 4 ore di viaggio da casa sua, restano per me un mistero affascinante.

      Non mi era mai capitato nulla di simile, non così.

      Gio

      Delete
  2. Ciao Gio,
    dal mio punto di vista niente di quello che si fa è perso, c'è sempre da guadagnarci. Non esiste il tempo perso, o meglio...la mia concezione di "tempo perso", piuttosto che a quello che dici tu, si avvicina di più al tempo passato in auto, in fila, in tangenziale :)

    Guarda ti dico... io oggi vivo per gli "incontri". L'interazione con quello che ci sta intorno ci arricchisce. Anche un semplice scambio di battute con un passante che si ferma per chiederti l'ora, per me è crescita.

    Poi, impiegare il proprio tempo per star insieme a gente la cui presenza ci fa star bene, eh, non puoi dire proprio che è tempo perso...
    Forse per "tempo perso" intendevi che è stato vano a raggiungere il tuo fine, quello di fare l'amore con lei... eppure la conoscenza con "l'altro", sai, io la immagino un po' come fare l'amore...quando raggiungi una certo grado di confidenza, per me E' fare l'amore. Dell'essenza di quella persona poi mica te ne liberi più.

    Comunque hai ragione, quando cade il velo di Maia fa male, dalle righe che hai scritto riesco a percepire il tuo dolore, quando hai scritto stavi soffrendo tanto, Gio. Eppure non è un male, saprai meglio di me che il dolore, soprattutto quando appena nato, porta con sé una grandissima energia. Riesci a sentirla? Mi sento di dirti solo una cosa: goditela.

    Ti abbraccio forte
    SR

    ReplyDelete
    Replies
    1. Dopo spiego meglio la cosa. Io sto come sempre, non temere ;-)

      Gio

      Delete