Sunday, 7 May 2017

Similitudini

Abito in un grande palazzo, un alveare che conta decine di appartamenti, e che contiene dunque il destino una folla di individui.

Vanno e vengono, gli individui.

Arrivano, comprano, arredano, consumano, partono, smalstiscono (mi e' facile identificare me stesso in una di queste pedine).

Capita di trovare in ascensore, stampati al computer o scritti a mano, bigliettini che annunciano un imminente trasloco, e propongono affari d'oro: materassi a meta' prezzo, divani in fortissimo sconto e cosi' via.

C'e' un locale, al pian terreno, dove i condomini gettano le loro immondizie, e quel che resta quando e' finito il tempo degli annunci economici, e bisogna fare in fretta.

Cosi' li vi trovi gli scatoloni di mastodontici TV a 65 pollici, sedie sgangherate, assi sfondate di quelli che furono letti, tavoli, elementi d'arredo, ma a volte anche oggetti ancora fruibili, negletti solo in nome di un'emergenza, quella dell'incombere di un trasloco per l'appunto.

Qualche giorno fa ho scovato, gia' destinato al macero, questo mobiletto di vimini, tre ripiani solidi, un intrico di fibre.

Senza pensarci due volte l'ho preso, l'ho portato a casa ed ho iniziato a domandarmi come rendergli di nuovo una funzione, una vita insomma.

...

Ogni giorno, rincasando, osservo i progressi delle mie edere.

...

10 comments:

  1. Carino, una simpatica fioriera..
    io una volta avevo trovato una sedia lasciata nel cortile del mio palazzo.. mi avrebbe fatto molto comodo.
    Purtroppo qualcuno fu più veloce di me e quando scesi per prenderla non c'era più!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Io sono stato più lesto di Lupin :D

      Ciao, Barbara.

      Gio

      Delete
  2. AnonymousMay 07, 2017

    Wow, che bravo!
    Io mi sento ultra in colpa che ho un ficus e un vasetto con un fiorellino del genere "grasso" e mi dimentico sempre di annaffiarli... mi ricordo nel fine settimana e per ora non sono ancora morti, ma sono sempre ad un passo. Le altre piantine che avevo non hanno resistito...
    Purtroppo non ho tempo di prendermene cura, ho talmente tante incombenze... o forse non le amo abbastanza.
    Mia madre invece è molto brava con le piante.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao Giulia!

      Oh, le incombenze ... come ti capisco. Io, che pure faccio di tutto per minimizzarle, a volte mi sento sfinito anche per le più piccole cose.

      La mia fortuna è che davvero questo amore mi da moltissimo.
      Me ne sto li, a guardarle, a pensare a come farle crescere bene, e mi sento meglio.

      Sono, a loro modo, elementi di bellezza.

      Ciao ... magari un giorno raccontami di te, del paese dove vivi, di quel che ti ha portato fin li.

      Un abbraccio,

      Gio

      Delete
    2. AnonymousMay 08, 2017

      Sì lo farò. Vedrò di trovare il modo...

      Un abbraccio,

      Delete
    3. Ottimo! Sentiti libera di scrivermi una email quando vuoi!

      Gio.

      Delete
  3. Io abito in un grande condominio e ne sono felice

    ReplyDelete
  4. Io abito in un grande condominio e ne sono felice

    ReplyDelete
  5. Replies
    1. Come mai? Pure iole odiavo, da bambino.

      Delete