Sunday, 5 February 2017

Sogni erotici

I sogni erotici dell'adolescenza sono impersonali, semplici e tutti uguali.

Ricordo seni enormi senza nome, morbidi, ovunque, e fiche da fottere all'istante, senza passare per l'espressioni e le indicazioni del viso, senza alcuna malizia o complicità.

Cambiano crescendo, i sogni erotici.

Raramente evocano chi amo davvero, e quando è così è la dolce intimità del sesso orale, i mille baci alla fica della donna amata, a trasgredire dalla sacralità di un sentimento immateriale.

Fotto le mie amiche, nei sogni erotici.

Ieri notte è stato così.

Prima è stato con Elisa.

Elisa è una ragazza carina e solare, con la quale ho giocato all'infinito in bilico tra perversione sessuale ed ilarità.
Abbiamo scherzato senza ritegno sul sesso ed i suoi derivati, e tra una risata e l'altra vengono fuori le belle verità: io impazzisco per la fica, lei ama il cazzo.

Siamo amici, e non c'è mai stato fraintendimento o attrazione tra di noi.

Così, almeno, è stato fino a ieri notte.

Siamo sul tetto di un'attrazione del Luna Park nel quale lavoriamo.
Da li vediamo giovani madri e padri annoiati attendere i loro piccoli, impegnati in giochi ed avventure.

Tante belle donne hanno un ovvio effetto su di me, un effetto un po' imbarazzante e che tuttavia, sotto sotto, uno spera di dover confessare.
Elisa mi vede un po' strano, distratto e smanioso, e da amica, senza malizia, mi chiede se io stia bene.
Mi invento una scusa per prendere la sua mano.
La faccio scendere fino all'altezza del cazzo.
Lei prima si stupisce, poi capisce e senza pensarci due volte apre la zip, e quando si ritrova tra le mani quel coso rigido e pulsante sorride, e dice: 'Ciao cazzo! Era ora che noi due facessimo conoscenza', e comincia, da vestita, a farmi un bel pompino.

Non si giunge, da adulti, alla polluzione notturna, e dunque c'è di che sognare ancora.

Nel secondo sogno è con me una ragazza che non ho mai conosciuto di persona, ma che da tempo ritrovo su internet.

Per tutta la durata del sogno lei è completamente nuda, ma i bei capelli foltissimi le coprono gli occhi.

Scopiamo ovunque.
Si impegna perchè la penetrazione sia completa, e massima, tra una spinta e l'altra, l'escursione del cazzo lungo le pareti della fica.
Si siede sopra di me e schiaccia a più non posso le sua fichetta dorata sul mio cazzo.
Scopiamo ovunque.
In treno.
In cucina.
Su una panchina.

Scopiamo, e non vengo mai, ed intanto parliamo tranquillamente di lavoro, politica, viaggi.
Solo ogni tanto la conversazione torna al sesso, e solo per pochi istanti, per suggerire una diversa posizione, o per annunciare 'adesso ti faccio una pompa che non ti scorderai mai'.

Mi piace l'idea di scopare una donna vestita.
Se sei vestita mentre scopiamo vuol dire che potremmo farlo in ogni istante.
Mi piace l'idea di scopare una donna completamente nuda.
Se sei nuda mentre scopiamo vuol dire che ti fidi di me.

3 comments:

  1. io non ho mai fatto sogni erotici ufffff.......

    ReplyDelete
    Replies
    1. No!!! Bisogna rimediare! Però probabilmente sei stata nei sogni erotici di qualcun altro ;-)

      Gio

      Delete
  2. Io faccio difficilmente sogni erotici. L'unico che ricordo bene era con un uomo. Una sega reciproca.

    ReplyDelete