Sunday, 20 November 2016

Pensieri e ricordi

Da bambini noi provavamo una tenerezza infinita per i poveri.

Una volta chiesi a mia mamma cosa significasse 'barbone'.

Ascoltavo 'portava i scarp de' tennis' di Jannacci e volevo capire chi fosse quel signore con gli occhi da buono che non avevo capito che fine avesse fatto.

La mamma mi spiego' qualcosa, e mi rimase impressa l'immagine degli 'avanzi' che erano i suoi pasti.

Sentii il sapore disgustoso del grasso del prosciutto cotto che proprio non riuscivo a mandar giù.

E sentii il freddo che, nella spiegazione della mamma, l'aveva forse ucciso.

Quando si è mingherlini sentire freddo è soprattutto ricordare il freddo.

...

Ricordare, ovvero aver vissuto, è indispensabile per poter sentire.

Oggi mi rendo conto che ha senso, questo dolore, solo perchè di una trama, quella della mia vita, io ho fatto un dizionario, e posso combinare parole ed esperienze, ed evadere dalla meschinità e dall'angoscia del passato.

Resta tutto compromesso e limitato, ma ogni tanto mi sembra d'aver vissuto, e perfino di star vivendo.

No comments:

Post a Comment