Wednesday, 14 September 2016

Come diceva quel tale?

La notizia del suicidio di Tiziana Cantone, giovane campana protagonista di filmati osè, indotta al suicidio da una serie infinita di insulti, mi ha scosso profondamente.

Tiziana Cantone è la ragazza che ogni uomo vorrebbe come amica, per scopare, per vivere la sua bellezza, per ridere e scherzare ... e cui almeno alcuni vorrebbero bene, specie per chi sa vedere oltre il proprio cazzo/ego.

È il sogno erotico di vitalità e proibito che tanti vorrebbero vivere.

Si è uccisa.
Qualcuno ha spento quel fuoco.
Bastardi, invidiosi senza coglioni.

Bastardo chi ha messo in internet il video.
Bastardo chi l'ha insultata.
Bastardo chi si è dimenticato di un tizio che, tanti anni fa, disse semplicemente 'chi è senza peccato scagli la prima pietra'.

Sia chiaro: per me non c'è nessun peccato, ma chi l'ha infangata si è alzato alla posizione di giudice, e li ha visto un peccato, un pretesto per poter sfogare le proprie frustrazioni.

L'umanità fa schifo.
È sempre li la Colonna infame, ed oggi si chiama internet.

L'umanità fa schifo.
Tiziana no.

2 comments:

  1. Chi ha messo il video in rete non si rende conto che essere in un video amatoriale può a capitare a chiunque. Anche a sua sorella, a sua figlia o sua moglie. E' stata uccisa, e sì do la colpa a noi che siamo cornice di tutto l'accaduto, una ragazza che aveva una vita oltre quel video.
    Ero disgustata all'epoca ma adesso sono addirittura inorridita. Qua è stato infranto il diritto alla privacy, chiamiamolo così, e la gente minimizza ogni cosa.
    Concordo con te, l'umanità fa schifo.

    ReplyDelete
  2. Noi, almeno, non scagliamo la prima pietra.
    È un inizio, non credi?
    Io continuerò, ostinatamente, a non tirare pietre.

    Gio

    ReplyDelete