Monday, 4 July 2016

Su una fotografia

Questa è patetica, lo so bene.
Mi è tornata fra le mani una foto vecchia di una quindicina d'anni.
Siamo io ed il mio Danka, cane bastardo e meraviglioso.
Giocavamo assieme, andavamo per boschi, e la notte d'estate giù fino alla città deserta.
Io non avrò mai più un animale domestico, un po' perchè non ho l'energie per gestirne i ritmi, un po' perchè non voglio scadere nel ridicolo.
Il ridicolo di scoprire d'aver vissuto solo con un cane i giochi, le passeggiate per i boschi e le notti d'estate.
Mi sono mancate le energie, mi mancavano quando avevo 20 anni, figurati adesso, che ne ho 37, e sono sommerso da cose da fare, problemi da risolvere.
...
Delle risorse dello spirito nessuno può fare a meno, ma quasi tutti le danno per scontate, e credono che 'lo spirito' sia malleabile con facilità, e che dunque ogni incontro conceda bene o male le medesime possibilità.
Cazzate.
Lo spirito non è malleabile, non è presente in eguale quantità negli esseri umani.
A volte mi sembra che la mia più alta qualità sia la consapevolezza.
Et excrucior.

3 comments:

  1. La consapevolezza è un dono dello spirito secondo me. Io lo sto coltivando per dare sempre un senso alla vita con cui spesso non vado d accordo

    ReplyDelete
  2. La consapevolezza è un dono dello spirito secondo me. Io lo sto coltivando per dare sempre un senso alla vita con cui spesso non vado d accordo

    ReplyDelete
    Replies
    1. La vita come apprendimento ... mi piace :-)
      Ciao Velabianca!

      Delete