Sunday, 19 June 2016

Pensieri sulla miseria

Avvicinando riflessione filosofica a considerazioni che rimandano alla meccanica quantistica, c'e' chi dice che un albero, cadendo in una foresta deserta, non faccia rumore, che' non c'e' esistenza senza osservazione.

La mia vita, lo devo riconoscere, somiglia abbastanza ad un deserto.

Forse questo significa che tutto cio' che ho vissuto, sentito ed espresso (o amato) non sia esistito, perche' non e' stato partecipato, ascoltato, capito (o amato).

Io credo sia proprio cosi': sono nulla, nulla ti dico!

Pero' devo aggiungere una cosa: se nulla e' stato di cio' che ho sognato, desiderato o sentito, nulla e' stato anche di quel che ho subito, sofferto, perso.

...

Questa e' forse la mia unica consolazione, vita infame.

5 comments:

  1. Ultimamente mi sto interessando della fisica quantistica :P ricerco soluzioni positive diverse dalle solite :p

    Tutti potremmo essere nulla a questo punto delle mie riflessioni sulla vita. C'è gente che cadendo fa rumori enormi ma dentro e privo di ogni speranza e felicità... Dentro non è e non hanno nulla...

    ReplyDelete
    Replies
    1. Di solito scrivo meglio .... Ma oggi ho decisamente i secondi contati :p

      Delete
    2. Di solito scrivo meglio .... Ma oggi ho decisamente i secondi contati :p

      Delete
    3. La meccanica quantistica val bene le tue attenzioni :-)

      A presto,

      Gio

      Delete
  2. Ultimamente mi sto interessando della fisica quantistica :P ricerco soluzioni positive diverse dalle solite :p

    Tutti potremmo essere nulla a questo punto delle mie riflessioni sulla vita. C'è gente che cadendo fa rumori enormi ma dentro e privo di ogni speranza e felicità... Dentro non è e non hanno nulla...

    ReplyDelete