Saturday, 9 April 2016

Un sogno erotico


A me piace molto scopare belle ragazze, meglio se donne.A dire il vero la bellezza fisica conta meno di quanto si possa credere: ad esempio, se e' vero che ho una preferenza marcatissima per le donne magre, non mi eccitano solo vitini da vespa accompagnati da culetti sodi e tettone.

Cio' che su tutto mi intriga e' l'espressione del viso, la sua capacita' di cambiare veste, e di assumere colori, espressioni diverse.

Scopare con una donna che puo' essere molte donne evoca la frenesia dell'orgia, e tuttavia custodisce la sacralita' del rapporto esclusivo, i suoi segreti, la sua innocenza.

Io credo che una donna espressiva sia capace di esercitare fascino piu' di una modella di creta, di una bambola gonfiabile, e questa risorsa, di cui non tutte sono consapevoli, solo alcune assecondano, crescono, educano.

...

Sono qui, nel Regno Unito, e durante una delle mie solite passeggiate capito in un locale, un pub, o qualcosa di simile.

Mi sorprende, all'entrata, di essere accolto da un saluto in italiano: due belle ragazze, una alla cassa, l'altra all'ingresso, con disinvoltura francamente inattesa mi danno il benvenuto con un 'buon giorno', ed altri formule proprie della nostra lingua.

La donna all'ingresso, meravigliata del mio stupore, si avvicina a me e mi rivolge la parola: 'Sei qui per la lezione d'Italiano, vero?'.

Nella mia mente inizia a farsi strada una spiegazione di quella bizzarra concatenazione di eventi: e' chiaro che sono stato confuso per il partecipante di un corso di lingua italiana che si tiene in quel locale, e sorridendo spiego il malinteso alla ragazza che ho di fronte.

E' buffo: benche' il suo italiano sia eccellente, sento lieve un accento straniero.

'Si, sono tedesca' mi dice.

Nel frattempo il locale si popola di clienti, tutti convenuti per far pratica della nostra lingua.

In breve gli spazi si riempiono, tanto che mi trovo ad avere davanti a me, in contatto diretto, la bella ragazza tedesca, una brunetta piccina e mingherlina, tutta contenta di un bel paio di tette che le riempiono la camicetta.

E' davanti a me, mi da le spalle, mi da il culo, ed io non sono insensibile alla sua presenza ... e sto premendo su di lei ... e lei risponde, con piccole contrazioni, sculettamenti appena accennati che mi strofinano i pantaloni.

'Lo senti?' le chiedo malizioso.

Gira appena il viso e non c'e' bisogno che mi carezzi con altro che parole: 'Si, ma se il gestore del locale si accorge di cosa stiamo facendo mi licenzia. Ti lascio il mio numero, vediamoci fuori di qui'.

Al pensiero che me la fottero' presto, e che e' una di quelle cui piace scopare, libera, consapevole, intraprendente, mi si gonfia ancora di piu'.

Non posso resistere e mandare tutto a monte: prendo il numero ed esco ad aspettarla.

6 comments:

  1. Tutti hanno un proprio tipo di donna, o un proprio tipo di uomo nella testa e forse effettivamente nelle proprie esperienze. C'è che però alla vita a volte le piace giocare e vi si ritrova attratti da qualcosa o qualcuno che sarebbe stato impossibile prima.
    :-) buona giornata Gio

    ReplyDelete
    Replies
    1. Io credo sia così perchè non smettiamo di imparare ad amare :-)

      Ciao!

      Gio

      Delete
  2. This comment has been removed by the author.

    ReplyDelete
  3. Tu hai sempre una risposta positiva alla vita.....
    É una cosa non solo molto bella ma di estrema ammirazione.
    :-)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Domani scrivero' qualcosa a riguardo :D

      A presto allora!

      Gio

      Delete
  4. This comment has been removed by the author.

    ReplyDelete