Monday, 28 March 2016

Pensieri sulla meccanica: Zenone, equilibrio, asintoto, eternita'.

Un principio fondamentale della meccanica classica, lo stesso che dissolve il paradosso della freccia e del bersaglio astutamente almanaccato da Zenone per svergognare la realta' (piu' complessa, piu' sottile di quanto tu non teorizzasti, caro filosofo!), sostiene che per determinare univocamente il moto di un corpo sia necessario e sufficiente conoscerne posizione e velocita' in un dato istante.

Supponiamo, ti prego di non scappare scandalizzata e dispiaciuta dall'argomento non poetico, di immaginare che un oggetto, in fisica lo chiameresti 'un grave', sia localizzato a tempo '0' in un punto di equilibrio instabile, ad esempio sul ciglio di un precipizio. Supponiamo anche che detto punto, in detto istante, la sua velocita' sia nulla.

Ecco, il suddetto principio intende dire che  quel punto rimarra' per l'eternita' in quello stato di equilibrio: immobile, immutabile, impassibile.

Per piacere, adesso immagina che oltre quel punto di equilibrio instabile, una sommita' per dire, sia il mondo: tortuoso, in saliscendi, intricatissimo.

Tu, grave perduto nel mondo, te ne stai li, ed ogni tanto ti perdi a guardare verso l'alto quel punto di equilibrio, l'unico esistente al mondo.

'Oh, come dev'essere serena la vita lassu'', pensi.

Beh, il principio della meccanica che assicura quiete, forse noia, lassu' nell'equilibrio, implica che nessun punto che sia stato altrove potra' mai raggiungere lo stato di eterna stabilita'.

Potrai transitarvi senza sosta, o avvicinarti soltanto, ed in un tempo infinito, e sara' via via piu' prossima, eppure mai raggiunta, la tua aspirazione.

Asintoticamente mi avvicino all'amore.

(ps: se vuoi una spiegazione 'fisica' di questi concetti saro' ben lieto di dartela!).

8 comments:

  1. non ne so molto di fisica, ma ti giuro che quasi ci ho capito qualcosa ^_^
    cmq il post e poco meccanico e molto poetico.
    bn ntt Gio'

    ReplyDelete
    Replies
    1. il cellulare ha perso un accento..... :P volevo scrivere
      "è poco meccanico e molto poetico"

      Delete
    2. Non mi sorprende che tu capisca, Magnolia. Tu hai, come si dice dalle mie parti, una bella testa!
      A presto :-)
      Gio

      Delete
  2. ANCHE TU ^_^ BELLA TESTA

    ReplyDelete
  3. Mi e' venuto in mente 'buona testa, ottimo cor' come si dice nel Barbiere di Siviglia :-)

    Magari :D

    Ciao Magnolia!

    ReplyDelete
  4. ognuno ha i suoi magari..... nell'armadio :P

    ReplyDelete
  5. Quel momento in cui mi derivo un paio di volte per scoprire a che punto sto.

    Che poi, ad ogni modo l'equilibrio come assenza di cambiamento è morte. Quando non ci sarà più energia, quando sarà tutto piatto, orizzontale e freddo tutto sarà equilibrio e non ci sarà più nulla.
    quindi meglio una scomoda cuspide o un flesso, ma l'equilibrio.. che cosa brutta!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Tu sei una donna molto intrigante.

      Gio

      Delete