Tuesday, 1 March 2016

Il Maestro e Margherita

'Il Maestro e Margherita' e' uno dei libri piu' folli ed enigmatici che abbia mai letto (te ne parlavo pochi giorni fa, ricordi?).

Ti devo confessare di aver fatto fatica a leggere le 500 pagine di questo volume, ma aggiungo di essermele godute, e di essere tornato spesso sui miei passi, per poter evocare ed interpretare meglio miscugli di parole grondanti di ambiguita', e sentire piu' vicini i protagonisti, le loro follie.

Per certi versi credo che 'Il Maestro e Margherita' possa considerarsi un Vangelo, e davvero vorresti credere in quel Gesu', in quel Ponzio Pilato, e perche' no perfino in quel Satana che, con 'la Luce', sembra avere un rapporto di competizione piu' che di contrasto.

Se non fossi cosi' stanco ed infreddolito, e' osceno quanto sia insolente in clima quassu', mi dilungherei volentieri nel tratteggiare trama, personaggi, stile dell'autore, ruolo della censura ... ma tant'e': sono appena le 10 della sera ed io sono gia' stanco morto, e di la mi chiama a se, tentatore e dolce, un letto caldo di ben due borse d'acqua bollente!

...

Non meravigliarti di quella 'cifra tonda' - 500 pagine: non posso essere piu' preciso.
E non meravigliarti neppure se qui non troverai citazioni: non mi ricordo nulla a memoria.

Il libro non e' piu' in casa mia.

Le cose belle, quelle della cui bellezza sono convinto davvero, ed e' cosi' per alcuni libri, dischi, pupazzetti, preferisco donarle piuttosto che imprigionarle in casa mia.

'Il Maestro e Margherita' e' gia' su un nuovo comodino, ed iniziano i protagonisti di quel folle romanzo a farsi largo in un'altro spirito.

Amo condividere libri e racconti con chi amo.

Mi riscatta, la condivisione di cio' che non esiste finche' non mette radici nell'anima, delle privazioni tangibili che ho patito ... ed obbedendo ad una dispotica predisposizione all'immaginazione e all'astrazione, a me sembra, oggi, di aver girovagato mille anni per il mondo in compagnia dei sentimenti.

Donandoti un libro, io in quel mondo ti incontro.

(penso al mio babbo, alle sue raccomandazioni e rassicurazioni per il futuro: non me ne sono mai dimenticato, e benche' soggette alle bizze del caso, io in quelle parole ho trovato una bussola ed un atlante).

No comments:

Post a Comment