Thursday, 7 January 2016

Mi manchi, Gio!


Ricevo e-mail dagli States, dal Continente, perfino dagli estremi confini del mondo.

Sono le donne che ho incontrato a scrivermi, quelle per le quali ho significato qualcosa di simile all'evasione dall'ordinaria amministrazione: lavoro, relazione, vacanze.

Non sono mai stato necessario per nessuna di loro: che io sia stato amante od amico, ho sempre avuto un ruolo di contorno, nascosto o palese che fosse.

Eppure ... eppure manco loro.

Proprio come a me loro mancano.

Quando capita di ritrovarsi, sono grandi feste, celebrazioni d'amor sacro o profano.
E promesse di vedersi ancora, di viaggi, cartoline, scuse per poter organizzare incontri di lavoro comuni.

Il filo conduttore della mia esistenza e' il piu' sottile e resistente: e' l'amore.

2 comments:

  1. Il filo conduttore della mia esistenza e' il piu' sottile e resistente: e' l'amore.

    io ti ammiro, ecco, basta.
    ^_^

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao :-)

      Chi l'avrebbe mai detto, eh? :D

      So che tu mi capisci benissimo.

      Gio.

      Delete