Tuesday, 15 December 2015

Stanchezza

Scusami se non mi faccio vivo, e se oggi scrivo un po' a casaccio.

Sono stanco, esausto, infreddolito e dolorante, e piu' di ogni mio collega, questo e' certo.

Mi domando se avro' un futuro, nel massacrante ambiente della 'ricerca'.

Sul lavoro non sono malaccio, ma come me ne trovi, e sono sani, forti, giovani e pieni di vita.

Potessi, farei altro.

Tu pensa se per rimanere aggiornato invece che studiare articoli pieni di equazioni potessi viaggiare, scrutare l'altro, pensare alle femmine ...

Fosse cosi'!

...

Scriverei allora sceneggiature per rappresentazioni teatrali o videogiochi d'avventura, o novelle, o piccole poesie, forse la storia della mia, delle nostre vite.

Fino ad ora ho vissuto senza nessuna limitazione se non quella imposta dal male.

Belle case, abbastanza soldi per qualche vizio (donne soprattutto, preferisco non chiamarle puttane) ed i doni per chi amo (donne, sempre e solo donne, alcune puttane) ...

Ho messo da parte qualcosa, ma non abbastanza da poterci fare affidamento per piu' di un paio, tre anni al massimo.

...

Aspetta che mi riprenda, voglio raccontarti qualcosa!

4 comments:

  1. Ciao Gio.come stai...a parte la stanchzza?.
    Un bacio
    Ps hai mai provato Xarelto? Pare che funzioni.

    ReplyDelete
  2. Non male dai!
    Tu come stai?
    Non ti sentivo da tanto!

    Ciao :-)

    Gio

    ReplyDelete
  3. Benino. Non vado piu a fare i controlli dell'INR in ospedale...che gioia. Ora prendo lo Xarelto.
    Bacio

    ReplyDelete
  4. Che bello, Silvi!!! Purtroppo per la mia condizione quel nuovo farmaco non e' ancora sicuro ... quindi per ora ancora INR per me :D

    Carissimi saluti, a presto!

    Gio

    ReplyDelete