Tuesday, 27 October 2015

Ricordi

In vita mia ho viaggiato relativamente poco, un po' per pigrizia, un po' per i limiti imposti dalla mia condizione.

Allora ho cercato nelle esperienze degli altri, nei loro ricordi, il mondo che non ho conosciuto.

Ho fatto razzia di memorie.

Ed in vita mia ho vissuto ben poche relazioni umane, e non c'è bisogno che ti dica il perchè.

Ho frugato però nell'animo di chi ho sfiorato.
Ho sorpreso, divertito, scandalizzato forse.
Ed attendevo il momento opportuno per poter indovinare segreti, sogni, affinità.

A testimonianza di tutto il mio vagare per il mondo e l'umanità sono cartoline, biglietti del tram, lettere.

Da qualche parte, tra la ruggine della mente, li dove il male è ormai sedimentato ed irriconoscibile, ci sono i miei tesori: qualche immagine, uno o due versi poetici, una bizzarra consapevolezza.

Ti confesso che avrei voluto fossero per  te.

4 comments:

  1. Le lettere cartacee sono ormai " reperti archeologici " ed è un peccato, perché le parole impresse sulla carta sono (per me) le migliori.

    ReplyDelete
    Replies
    1. I miei doni migliori sono bigliettini, lettere, qualche scarabocchio. A volte mi piace usare carta sottile e penne a stilo, cosi' che l'inchiostro permei le fibre porose. Altre volte preferisco carta ruvida e spessa, ed incido con la punta perche' il foglio sia sensibile al tatto ed all'udito.

      Ciao, Lisa!

      Gio

      Delete
  2. secondo me devi scriverlo davvero un libro.....lo so che mi ripeto, ma hai così tanto da raccontare, dire e trasmettere al di là dei rapporti umani....
    sarebbe una grande soddisfazione..e più credimi.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Hai iniziato un lungo discorso interiore con questo commento, Magnolia!
      Magari poi ne scrivo un po'.
      Se penso ai miei desideri, i sogni piu' o meno realizzabili, mi compiaccio di scoprirli tutti satelliti di un unico bene: l'amore.

      Ciao :-)

      Gio

      Delete