Sunday, 21 June 2015

Allegria!

[bla bla bla ... vicenda di fantasia ... bla bla bla]. Bella cosa essere poi razionali e non del tutto idioti. Capita cosi, una notte di Solstizio d'Estate, di capire che, ahime', io sono spacciato - e che l'identico dolore mi seguira' per sempre. Fino all'ultimo giorno vivro' questa passione. E mi consola solo sapere che ormai si avvicina quel giorno dal quale non faro' ritorno. (domani ti spieghero' come mai e' cosi' - l'illuminazione mi ha colto mentre riflettevo se continuare a leggere o meno - non e' una ragione vera e propria ... direi piu' che c'e' un senso se e' tale la mia condizione). Qualunque uomo di 36 anni, perfino chi in buona salute, puo' morire da un momento all'altro. Quante volte, alle mie contestualizzazioni, mi e' stato fatto notare, con affetto piu' che pedanteria, che' io non saro' amabile, ma di bene me ne hanno voluto in tanti, ed intensamente. E' vero, e' verissimo. Ma se io domani non mi svegliero' nessuno si sorprendera'. Anzi ... osservato da vicino il cadavere, lasciate scivolare via le ipocrisie, sciolta finalmente la prognosi, qualcuno si meravigliera' della mia presenza qui, dell'apparente serenita', della sciocca insistenza.

No comments:

Post a Comment