Monday, 16 February 2015

La ragione per cui

La ragione per cui ...
Il motivo per il quale ...
Il perche' ...


Io l'ho capita ieri sera, la ragione per cui ti desidero cosi' tanto.

Oh, non e' per l'aria misteriosa, ne' per la civetteria di una fatalita' ostentata, per la fantasia dell'acconciatura, per la sensualita', per la altre virtu' di quel corpo di bella donna che desidero come tanti altri.

Non sarebbe diverso, allora, da una qualsiasi delle infatuazioni che vivono e muoiono nell'arco di una giornata, di una stagione, di un incontro.

E' che tu sei fiera, insofferente, sdegnosa, irrequieta, indomabile ... e dunque non tollereresti mai d'essere oggetto, o di perdere un epsilon della tua personalita', della ricercatezza che ti definisce, dell'archivio che sei andata accumulando fino ad oggi, ... per un uomo.

Tu sei vergine, per quanti amanti tu possa aver avuto.

E lo sarai sempre, fossero altri mille i fortunati che riusciranno a sfiorare i tuoi capelli, a godere di quelle labbra da baciare, a prendere il corpo che ho cercato tante volte al mio fianco.

Tu assimili ogni cosa, ma la trasformi, la rendi irriconoscibile dalla sua sorgente, orfana del seme, indipendente dall'origine ... ed intatta d'ogni insinuazione maschile.

Tu sei la femminilita' intransigente e perpetua, tu ne sei l'idea stessa.

(La destinataria di questa lettera a quanto pare non esiste che nella mia testa ... ma li sta benissimo!).

2 comments:

  1. che parole meravigliose.
    versi a tratti di poesia wowww

    ReplyDelete
    Replies
    1. Io cosi' vedo il mondo :-)
      Ciao!

      Gio

      Delete