Thursday, 22 January 2015

Per ridere un po'

Dovrei dedicarmi ad una carriere nel mondo dello spettacolo anziche' affannarmi, con alterne fortune, nella dimensione scientifica.

Datemi una spalla, magari una bella donna, disponibile anche quando il sipario chiude la scena, ed io faro' schiattare dalle risate qualsiasi platea.


Ammetto di averlo fatto, improvvisando, ripetutamente anche se via via sempre meno negli ultimi anni, ed ammetto di farlo ancora, quando capita.

Oggi e' capitato.

L'ufficio e' ormai semi-deserto, giusto un paio di colleghi si attardano oltre il pomeriggio.

Jennifer, una delle nostre PhD students, ci saluta augurandoci 'a nice weekend', visto che domani non verra', impegnata com'e' in un esibizione di Tango.

La guardo severo, e le chiedo se alla fine abbia trovato per me qualche bella ventottenne ballerina di Tango, magari votata al culto della Dea Venere quanto me.

Mi guarda sbigottita, cerca di arretrare in una posizione difensiva: accenna, mormora, cerca scuse ...

Le offro una facile via d'uscita.

'Tu di che mi hai gia' provato tu, e che sei rimasta molto soddisfatta del prodotto, anzi: senza fiato!' aggiungo, con voce grave, sensuale, profonda ...

E poi ridiamo tutti assieme.

Non e' bello?

4 comments:

  1. Ricorda! Le donne si conquistano soprattutto con la simpatia, falle ridere e vorranno stare sempre con te.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Evviva :D successo assicurato ;-)

      Delete
  2. Buona domenica, Gio!
    Ps nel mio giardino sono spuntate le margherite....:-)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Qui e' ancora pieno inverno ... ma arrivera' la primavera :-)

      Delete