Monday, 19 January 2015

Pensieri e sogni

Nei sogni Mia Martini e' ancora viva.

Abita nei pressi di casa mia, in una grande villa abbandonata perfino dai ricordi, immersa in un parco di alberi secolari, edera e biancospino.


Nessuno la conosce, nessuno le fa visita.

Io soltanto, passando attraverso la siepe, entro nel suo giardino, e lei a volte e' li ad aspettarmi.

...

Siamo limitati, noi esseri umani.

Non so piu' riempire di donne e di donnette i pensieri e il letto.

Scopro che l'amore e l'affetto piu' della passione e del desiderio di possesso quietano l'animo mio, ed il nutrimento non e' la carne, ma l'anima.

Tu mi hai liberato dall'angoscia di essere schiavo di un corpo malato.

Di cosa posso recriminare, se lo spirito e' fertile, capace, affine al tuo?

Due di picche ne ho rimediati, sono stato anche umiliato dal rifiuto di amanti troppo distratte o troppo prudenti ... troppo sagge e troppo stupide per scoprire la passione in un corpo fragile ma istruito da infinite riflessioni sull'amore per essere freddo, inerme.

Dalla meschinita' ho ricavato dell'ottimo dolore, e la lucidita' che a volte ne e' associata.

...

C'e' chi rende la loro vita un inferno, e poi sa essere cosi' idiota da criticarne gli espedienti per vivere, i segreti per sopravvivere.

Imbecilli!

Privano del 'primo amore', dell'intimita', della sicurezza dell'essere accettati per quel che si e' e poi si meravigliano se alcuni si allontanano dalla morale comune, e poi piccati hanno da ridire se altri cercano in profondita' quel che non hanno possibilita' di trovare altrove, scoprendo e scoperchiando le fragili fondamenta della loro ipocrisia, e soprattutto si scandalizzano se alcuni eccedono, si disperano, si abbandonano.

Esiste un male inestinguibile.

Io lo conosco: mi ha portato via Silvia, ha fatto di lunghi giorni null'altro che intervalli tra un dolore ed un altro.

Non poteva essere diversamente: la mia stessa vita, tutta, e' una ribellione insulsa ad un male nato prima di me, e troppo intimo per poter essere vinto.

Spendetevi per la felicita' di chi puo' esser lieto.
Parteciperete alla gioia anziche' alla disperazione.
Avrete negli altri fratelli, figli, sarete di altri fratelli, genitori.

No comments:

Post a Comment