Monday, 17 November 2014

Di idee e progetti

Di idee e progetti dovrei pur parlarti.

Per la prima volta da che sono qui, si e' parlato con il capo del mio gruppo di ricerca di 'futuro'.

Mi lusinga sapere che vorrebbe estendermi il contratto per altri 4 anni, ma io, per quanto ami questa citta', so bene che ormai e' tempo di andare.

Un'ultima estate, e poi via, senza fuggire, ma senza neppure guardarsi troppo indietro, che' quel che devo conservare e' gia' profondamente impresso nel cuore.

Amo obliterare soprattutto il mio futuro.

Verso quale destinazione?
Insomma ... dove finiro'?

Dall'alta parte dell'Atlantico potrei realizzare una solitudine perfetta, e trovare un ambiente accademico ideale, ma forse, lontano dai ciottolati di un continente vecchio ed antico, dalle rovine di pietre scheggiate e sporche, e dunque dalle immagini evocate da tante testimonianze dei cicli e limiti dell'esistenza, non saprei sostenere atmosfere romantiche, decadenti, piu' umane di quello che vorrei ammettere.

Dovrei cambiare ... mi costerebbe molto, tanto piu' che io continuo ad odiare gli aerei, ma ammetto che ne sono tentato.

Mi immagini, ingenuo e sognatore come sono, perdermi per i quartieri malfamati di New York o Boston?

Mi vedi, esile, diafano, fragile, cercare di attraversare una strada trafficata, tra i mega SUV della California, o riempirmi le scarpe di sabbia mentre guardo belle ragazze che si abbronzano su una spiaggia della Florida?


Ancora un'ultima estate tra i fiordi e la neve, e poi via, a ricominciare ancora una volta, ma non piu' dal Caos informe della notte dei tempi, che' adesso e' giorno, adesso e' l'ora quieta della 'Tellus Stabilita'.

2 comments:

  1. Per favore che quei due fenomeni poi devono arrivare dall'altra parte del mondo!
    Fai il bravo...

    ReplyDelete
    Replies
    1. Forse volevi dire: 'Per favore, che IO poi devo arrivare dall'altra parte del mondo' :D
      Vorra' dire che invece che pochi giorni starai settimane :D

      Delete