Friday, 31 October 2014

Cronaca di un giorno particolare


Esco tardi la mattina.

La vicina del pian terreno sta ancora lavorando nel suo giardinetto, pochi metri quadrati che danno sulla strada, un francobollo che accompagna con altri piccoli lotti l'intero perimetro del palazzo.


C'e' nel vicinato chi davvero sa davvero trasformare quei minuscoli spazi in gradevolissime composizioni, ma lei ... lei e' da giorni che la vedo indaffarata, all'opera volenterosa piu' che capace, e tutto quel che e' riuscita a rimediare fino ad ora e' una gran confusione di reticolati, cazzuole, piastrelle e mattonelle sparpagliate sulla terra negra.

Dalla strada ho sbirciato infinite volte il suo salotto.

E' un trionfo di libri, pitture appese alle pareti, carte volanti e tazzine per il tea.

C'e' poi un televisore, bellissimo ... il piu' bello che abbia mai visto: e' sempre spento, ed immagino che in quell'ambiente possano davvero fare capolino giusto qualche partita della Juve o vecchi film di Walter Matthau o Gino Cervi.




La sera sono stato in un locale alla moda per il mio Hamburger di carne di Bisonte del venerdi sera.

E' Halloween ... e tutti i membri dello staff erano mascherati.

Mi sono innamorato di Mercoledi Addams, Cat Woman ed una cliente che era travestita da ... Dea in borghese.



Col mio cappello, rigorosamente Italiano, un Panizza che mi madre mi ha regalato la scorsa estate, e che tante volte mi ha riparato dal sole, dal vento e dalla pioggia, il viso slavato e due buchi spenti al posto degli occhi, non sfiguravo tra quelle figure fantastiche e per una notte normali.

No comments:

Post a Comment