Saturday, 11 October 2014

Ancora pensieri

Esistono segreti che caliamo dentro di noi per vergogna.

Ne esistono altri che nascondiamo per paura di scoprirci in un abisso di solitudine, e che invece vorremmo poter condividere, maturare o risolvere.


Credo si possa arrivare al punto di saper celare perfino a noi stessi certi palpiti irrequieti, certi corto circuiti laceranti ... ed allora l'angoscia snatura noi stessi, e ci impone un'esistenza di opliti obbedienti e coordinati tra loro.

E' irrinunciabile, una volta esperita, la serenita' dell'affinita', il piacere intenso di una complicita' non solo sensoriale, e perfino la paura, se temperata dall'amore di una creatura fragile ma meravigliosa, smarrisce ogni connotato alieno all'umano.

Ecco ... con te non sento di aver segreti intraducibili in occasioni di sublimi incontri.

Sicuramente non e' un segreto la frequentazione saltuaria di qualche puttana ... nel senso che non riesco neppure a classificare qualcosa di cosi' superficiale come argomento di riflessione.

E se tu hai trasgredito alle norme bigotte ... beh, non credere che la cosa mi sorprenda, scandalizzi o deluda.

Macche' puttane e bordelli.
Macche' pompini e retro bottega.

Se e' a questa massima trasgressione che si giunge in una vita c'e' da gridare dal dolore.

2 comments:

  1. Silver SilvanOctober 11, 2014

    Che infinito squallore.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Come non essere d'accordo!

      Delete