Wednesday, 9 July 2014

Dolce e piccina


Anch'io, lo ammetto, ho riso di gusto, e cercato freneticamente su internet le gif piu' irriverenti, e aggiornato le clip salaci che venivano proposte sul 0-4, ed erano gia' vecchie sul 0-5 ... ed infine sedimentavano su quel risultato cocente, e che la storia ricordera' per sempre

Brasile - Germania: 1-7.


La distruzione sistematica della vanagloria dei 'verde-oro' perpetrata dalla squadra tedesca, e molti sono tra i barbari in maglia bianca gli innesti di origine non germanica, mi ha entusiasmato.

Ha vinto la solidita', ma sull'improvvisazione piu' che sull'estro, e si sono imposti la coralita' e spirito sportivo, se e' vero che non c'e' stato egoismo o eccesso di perfidia: ognuna ha collaborato al risultato, e sarebbe stato umiliante negare agli avversari la dignita' che si deve ad una nazione tanto importante, e dunque hanno fatto bene i tedeschi a non rilassarsi, a mantenere alta la concentrazione.

Andranno in finale, forse per la quarta volta alzeranno al cielo la Coppa del Mondo.

Ma cosa restera' davvero?

Una stella in piu' sulla divisa?
Un trofeo in bacheca?

No ...

Restera' la gioia di una folle notte berlinese, l'adrenalina di chi ha esultato con grida; resteranno le risate, i baci e gli abbracci.

E poi, e piu' in profondita', le lacrime, le smorfie di folle disperazione.
I cocci di un sogno infranto.
La fatica di chi torna a casa sconfitto, stanco, deluso.

Brilleranno per sempre gli occhi tristi di una ragazza dolce e piccina che consola un vecchio, e lo prende per mano.

Questo siamo ...

Disperatamente, ridicolmente in bisogno di sogni, di eroi, di ideali.

E capaci soprattutto di soffrire, e di amare, e di essere amati.

4 comments:

  1. Brava Gio al di là del fanatismo calcistico, si esce chi con l'amaro in bocca o con la vanagloria della rivincita...
    Un applauso..
    Abbraccio serale!

    ReplyDelete
  2. Questa e' l'umanita' di cui siamo parte.
    Ciao Nella!

    ReplyDelete
  3. Un collettivo a fronte di tante individualità. Io sono un solitario e non amo molto il gruppo. Ma talvolta, spesso, nella vita si deve essere un gruppo, essere l'uno per l'altro, sacrificando un po' della propria gloria per quella del gruppo di cui di fa parte. È semplice questione di civiltà. E non tutti lo sanno. A volte sembra di essere ancora nella preistoria. Ciao Gio.

    ReplyDelete
  4. Concordo alla lettera!

    A presto Gianni :-)

    ReplyDelete