Tuesday, 24 June 2014

Pensieri sulle donne

Sono il mio Sole, le belle donne che conosco, frequento, studio ed amo.

Un'amica, una splendida donna, bella, leggiadra, contenta, esploratrice avventurosa del mondo, custode sapiente, forse impaziente di segreti che ancora non conosco, mi scrive di ritorno da un breve viaggio di lavoro che l'ha spinta, a bordo di un battello, nel cuore dell'Europa continentale, lungo il corso dell'Elba.

Dove la porta la professione di giovane scienziata, li i suoi occhi attenti scrutano, e le vivacissime celluline grige assimilano, elaborano ...

Torneremo a scambiarci doni, al 'primo giorno di Sole' ... cosi' consiglia nella lettera che ho appena ricevuto, e che fissa ad un futuro mi auguro prossimo il nostro incontro.

Quel Sole esiste, e sei tu.

Rispondo un po' sconsolato.

Ti confesso una cosa: per il nostro famoso caffe' speravo tanto che potessimo barattare bellezza con bellezza.

Tu mi avresti parlato di cattedrali severe e superbe, del culto pagano per il grande Fiume, ed io di Berlino, delle sue infinite contraddizioni.


Tu, magari gesticolando in verticale, avresti mimato dell'architettura Gotica, vertiginosa e altera, e io, lungo linee orizzontali immaginarie, avrei evocato per te le grandi geometrie della citta' Fatale, e l'imperfetto allineamento tra est ed ovest ...


Ed invece?
Mi sono ammalato il giorno prima della partenza, e ho dovuto rinunciare a Berlino!
Ma visto che sono un gentiluomo, e non si dica mai che sono un vile predatore di grazia altrui, cerchero' nella memoria o nell'immaginazione di che partecipare alle tue rievocazioni.

La bellezza e' li.
Io ne vivo.

No comments:

Post a Comment