Tuesday, 27 May 2014

Pensieri sulle donne che ho amato

Ho scritto decine di lettere alla donne che ho amato.

Raccontavo loro di pensieri troppo a lungo ragionati in solitudine, di bellezza, fascino, sensualita'.

Architettavo trame buffe ed intricate nelle quali in due, noi due, e nessun altro, sapevamo muoverci con grazia e pudore.

Raramente mi hanno creduto; qualche volta mi hanno allontanato.


Le donne che ho amato non sapranno forse mai che non mi inventavo nulla, anche se non si riconoscevano nelle mie parole, anche se non trovavano i propri tratti in tenui disegni, ne' lo spirito in dolci parabole.

Le ho osservate, le donne che ho amato, una ad una, e meglio di chiunque altro, e meglio di quanto loro stesse non potessero fare.

Nessuna invenzione, mai.
Le scoprivo piano piano, tutto qui.

E scrivevo loro delle mie scoperte.

2 comments:

  1. parole stupende .. come solo tu sai scriverle

    ReplyDelete
    Replies
    1. Joh credimi: di mio qui non c'e' quasi nulla.

      La sua presenza mi ha sussurrato queste parole.

      Ciao :-)

      Delete