Friday, 7 March 2014

Pensieri

Pensieri sull'amicizia.

Idea, teorema, teoria ...

L'etimologia di queste tre parole e' fondamentalmente la stessa: 'vedere', 'osservare', 'percepire'.

...




Nel mio passato, florido soprattutto di sventure e umiliazioni, le idee, i teoremi, le teorie, nascevano da delle visioni potentissime, quasi mai corrispondenti al reale, spesso consolatorie, raramente edonistiche, in ogni caso troppo folli per non atterrire chi vi si riconosceva.

Era il tatto a ricondurmi coi piedi per terra, a farmi aprire gli occhi intorpiditi dal sogno: innumerevoli scontri con eventi avversi o imbarazzatissimi no-comment tendevano quindi a convincermi di non avere alcuna speranza ... e oscillavo tra abissi ed iperuranio, angoscia e gioia.
 

Mille contraddizioni possono nascondere una verita'.


Oggi che il confronto con il reale svilisce perfino le piu' alte speculazioni, scopro la serenita' del saggio, il lento appagamento di chi non ha bisogno di conferme ma gode di ogni singola ulteriore contrazione del cuore.

La scoperta che rivoluziona la mia esistenza e' che la pietra angolare delle relazioni umane piu' intense ed intime e' esattamente, almeno per me, il male.

Non devo rimuovere nulla, non la solitudine, non il dolore fisico, non l'incertezza del domani, non gli espedienti.

Cosi' credo di aver evitato la dilapidazione totale e disattenta di una vita.

No comments:

Post a Comment