Sunday, 26 January 2014

Pensieri e puttane

Allora e' deciso: oggi vado a puttane.

Sono risoluto, ed a questo punto non c'e' nulla, remore morali, considerazioni economiche, timore di essere visto, inviti dell'ultimo minuto per un pomeriggio da passare assieme, che mi fermera'.

In verita' vivro' un'esperienza ancora piu' inebriante: scendero' fino al quartiere a luci rosse, poi entrero' in tutti i bordelli, e solo alla fine, dopo aver visto il culo e le poppe di tutte quante, decidero' quale, o quali, fottere.
All'ingresso, appena illuminate da luci soffuse, saranno ad attendermi tante belle ragazze - e non v'e' dubbio in proposito.

Certo, capita di trovarne alcune che davvero ti domandi a quale genere di perversione possano corrispondere, ma nel numero delle presenti si rimedia sempre di che gioire: oggi forse la fortunata sara' una mulatta dagli occhi verdi ed i seni morbidi, o un'ungherese maliziosa dalla pelle dorata e le carni sodissime, o un'orientale sottile da scuotere tutta.

A volte sorprendi le ritardatarie che stanno uscendo dai loro cubicoli, e attraverso la porta che in fretta si richiude vedi cartoni di pizze e lattine di birra o coca-cola, o colleghe serenamente addormentate.

Sono queste le sole testimonianze di contatto con il mondo civile: le prime necessita', il pasto, il riposo, ricordano che questi esseri apicali e miserrimi, le puttane, non sono bambole gonfiabili, giocattolini, pura meccanica, ma donne.

Tranquillo: l'erezione, un paio di belle tette, un culetto a mandolino, svieranno lontani tentennamenti e affetti.

Tu sei li per scopare, loro per prendersi i tuoi soldi: tu le scopi e loro si prendono i soldi. Tutti contenti, vedi? Il sistema funziona!

Alcune saranno assonnate, quelle che ieri notte hanno fatto le ore piccole che impone il sabato, altre innervosite per gli scarsi guadagni del weekend.

Devi mettere tutto in conto, e tutto elaborare per ottenere il massimo godimento possibile.

Certo, una bella figa offre molto in termini estetici, ma forse e' schizzinosa e non si lascia sborrare in faccia ne' ingoia.

Viceversa, una magari gia' trentenne ed in discesa nelle preferenze dei puttanieri piu' superficiali, si lascia inculare senza troppe suppliche.

Schermi LCD alle pareti manderanno immagini di scopate furiose, acrobazie erotiche, allegri terzetti, e tuttavia nessuno di noi vi fara' caso, poiche' a nessuno sembra fuori posto l'esibizione di un Menu' all'ingresso di un ristorante.

Io le guardero' senza fretta, che' devo tenermi a mente almeno le piu' belle, quelle che magari in un secondo tempo tornero' a prendere, e poi via, all'angolo della strada, dove un'altra insegna, un'altra promessa di esotismo e piacere, lusinga e chiama.

In quegli istanti, vorresti poter scopare tutto il giorno, e non dover limitare l'attivita' a due-tre venute, e poi essere obbligato ad attendere almeno un nuovo giorno prima di poter tornare pieno di vigore.

Il sesso per un uomo raramente sazia a sufficienza, perche' prima della stanchezza fisica interviene un altro limite, locale, a contendere alla bulimia la realizzazione dei propri desideri.

Esco di casa.

Che strano ... all'orizzonte e' la sovrapposizione delle montagne argentate della mia citta' natale e delle colline aspre di dove vivo ora.

C'e' di piu':  riconosco chiaramente il limite estremo di cio' che mi e' di fronte, ma non riesco a capire dove mi trovo.

Inizio a camminare in direzione della montagna, che' avvicinandomi per forza di cose entrero' in citta', e li - non me ne dimentico - presto staro' scopando.

Niente da fare: ogni via e' vicolo cieco.

Attorno a me, muti ma ostili, operai al lavoro, vecchi in attesa di mezzi pubblici.

La serenita' e' solo del cielo: luminoso, altissimo, indulgente, mite. 
La verita' e' che da quando ### e' entrata nella mia vita e' cambiata ogni cosa. Nessuno lo sa, nessuno lo puo' immaginare, ne' io lo capisco. Eppure e' cosi'.

2 comments:

  1. Felicissimaaaaaaaaaaaa per te! :)
    baciotto!
    Ps fai il bravo!

    ReplyDelete
  2. Io sono bravo ;-)

    Ciao Silvi!

    ReplyDelete