Tuesday, 21 January 2014

Milonga


Balla ogni cosa, in quella Milonga.
Le danzatrici, ma anche le loro vesti, i capelli, i teoremi delle geometrie non euclidee.



Gonne, pantaloni, magliette ... e poi lunghe code di capelli bruni, caschetti biondi, vaporose chiome ondulate, ed ancora somma di angoli, ampiezza di superfici curvilinee ...

Picchiano sul pavimento come note i tacchi delle belle donne.

Io, in disparte, ti aspetto.

Poi, finita la lezione, giu' da basso, davanti ad un bicchiere di birra e alla mia limonata, parleremo di Mozart, Cartesio, etimologia e tramonti.

...

Non ho mai visto cosi' nudo il tuo seno, lo sai?
Di solito ne custodisci il segreto.

Ora sei talmente accaldata che da li sale il tuo calore,e mi si appannano le lenti, o forse me lo immagino solamente?

Ogni tanto, nelle pause di riflessione, abbasso lo sguardo, che presto finisce li, invidioso di una gocciolina di sudore che scende ove l'occhio non puo' arrivare.

Allora ti sorrido, e cambio argomento.

Adesso ti dico di quella bella donna che tu sei.

4 comments:

  1. Tango... la mia passione!
    L'unico momento in cui indosso tacchi a spillo! ;o)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Eccellente Joh :D Si lascia sempre un po' di cuore in una Milonga :-)

      Delete
  2. Uhhh, come mi vedo bene, un bel valzerino e' quello che ci vuole. Sono rigida come un palo. :)))
    Grazie Gio. Va un pochino meglio. Il risveglio e' sempre uno shock, ultimamente è insopportabile, con nausea poi. :(
    Tu stai bene?
    Baciotto.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Non dirlo a me Silvi!
      Sono uno stoccafisso :D
      Qui va tutto ok, piu' o meno :-)

      Ciao!

      Delete