Tuesday, 10 December 2013

Di nuovo

Dal soggiorno di casa mia, sporgendomi un poco, io vedevo la sagoma tozza ed imponente del Castello.

Oggi ne so contare le finestre, riconosco gli spigoli aguzzi delle torri, mi appoggio alle rientranze seminascoste nella prospettiva.

Passeggiando per i lunghi viali che d'ogni parte cingono il fortino, ieri ho scoperto agitarsi al vento la bandiera britannica, issata altissima oltre il profilo delle mura di cinta.


Vedo di nuovo.



...




Non e' la prima volta che, dopo un periodo piu' o meno lungo, piu' o meno pesante, torno capace di una funzione, di un organo.

Nel corso degli anni e delle varie vicende, ho ricominciato a potermi piegare su un fianco la notte, a camminare, a vedere, a giocare coi miei cani, a pensare alla bellezza ...

Ed ogni volta, benche' non siano indolori ne' invisibili le cicatrici, ed aumenti il debito che ho contratto con il dispensatore delle mie risorse, io sono di nuovo.

2 comments:

  1. Davvero Gio? Sarei felicissima! :-) Non è un sogno vero?
    Ritorni a Natale?
    Un bacio. :-)

    ReplyDelete
  2. La lente a contatto e' un po' fastidiosa, e devo cambiare occhiali per leggere ...

    Pero' e' vero, finalmente :-)

    Si, torno a Natale, e quest'anno davvero devo riposarmi un po'.
    A presto Sara!

    Gio

    ReplyDelete