Friday, 18 October 2013

Toccare!!!

La situazione e' un po' piu' seria di quanto credessi, e dunque settimana prossima tornero', per una decina di giorni, in Italia.

Ovviamente questa noia, queste noie, sono capitate nel periodo piu' intenso dell'anno, e la sensazione di non poter far altro che aspettare, e quell'ansia che, benche' faccia di tutto per non vedere, sento un poco, contribuiscono a fare delle mie giornate prigionia.


Per ingannare lo scorrere lento del tempo, e per tranquillizzare i colleghi, ho fatto un salto in ufficio, oggi. 

I 'miei' Ph.D sono 4: due orribili omaccioni e due graziose fanciulle. 

Sono entrato con cappello e bandana da pirata nella loro stanza, e mi hanno accolto gentilmente, leggermente intimiditi, o meglio non sapendo bene come gestire l'evidente trauma di un occhio bendato ed un'andatura un po' incerta.

Ho spiegato un po' la situazione, il programma, e quindi mi sono rivolto sofferente alle ragazze. 

...

Tradendo tutta la disperazione di un cuore ferito, mormoro: 

"Il problema ragazze e' che con quest'occhio vedo solo una piccola parte della vostra bellezza."

Poi pero' mi soccorre un genio benigno, cosi' aggiungo: "Ma non disperiamo: la mia prodigiosa intelligenza mi ha suggerito che posso compensare alle deficienze visive ... 'toccando' ..." 

Ai gesti da prestigiatore, le lunghe dita ne sono capaci, sono seguiti in una frazione di secondo imbarazzo, e finalmente risate liberatorie.

Finche' non mi denunciano per stalking o prendono a borsettate io continuero' cosi'.

Ps: far ridere qualcuno quando non si e' in condizioni ottimali e' una cosa che mi riesce piuttosto bene ... sara' l'esperienza ad avermi istruito in tal senso?

2 comments:

  1. Un genio benigno dal ragionamento cristallino direi. (Si senta autorizzato a cacciarmi a calci in culo dal suo blog).

    :-)

    ReplyDelete
  2. E perche' mai dovrei?

    Ciao!

    Gio

    ReplyDelete