Saturday, 19 October 2013

Conversazioni

I miei pensieri, lo sai bene, sono quasi tutti conversazioni.

Conversazioni con un'altra individualita', quasi sempre, o coi residui di chi sono stato, e che benche' nell'ombra della memoria, sepolti dai diversi e penosi significati, colti, didascalici, morali che ho cercato di associare ad ognuna delle esperienze responsabili del loro relegamento parziale, ancora scalciano.

Cosi' mi rivolgo al passato, e lo rivivo, anche se minimamente.

Tra le cose peggiori c'e' senz'altro il dover condividere certi problemi con gli altri, con chi ti ama.

E tra i motivi, molti e diversi, che mi hanno spinto ad abbandonare l'Italia c'e' stata anche la necessita' divenuta infine impellente, urgente, di costruire un luogo assoluto, slegato, remoto, ove davvero consumare tutte le pene, e poi tornare a quelle follie che compongono una vita, la mia.

Ho fallito, sai?

La sincerita', certo non moderata da sentimenti pallidi ed infermi, da miti consigli, ma anzi come ubriacata di immagini improbabili ma perfette, e pensieri disarticolati ma sublimi, mi ha restituito una dimensione non protetta, contaminata di idee, nomi, presenze.

4 comments:

  1. Dove sarebbe il tuo fallimento?
    Bacio.

    ReplyDelete
  2. Ciao Mia Dea :-)

    Ho fallito nel tentativo di isolarmi completamente.
    Ho fallito, ho trionfato.

    A presto

    Gio

    ReplyDelete
  3. Ciao Gio! :)
    Buona notte!
    Ps io ci sto benissimo ....da sola!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Meglio soli che mal accompagnati ... questo di sicuro :D
      Ciao!

      Delete