Tuesday, 13 August 2013

La fortuna


La ricompensa, per non essere precipitati quando davvero si e' stati vicini alla fine, quando ha trattenuto una forza sconosciuta e testarda, e' la liberta'.

Liberta' dai tanti dogmi della societa': il ruolo del denaro, il ruolo eticamente accettato, quasi imposto, da essegnare all'egoismo, all'avidita', alla cupidigia.

Mi convinco in continuazione dei benefici di questa mia sopravvivenza.

La diresti precaria - certamente mi guardo bene dal definirla ideale.
Non cado nell'errore di un'apologetica personale.

Affido ai sensi, e a quella nebula che ne scaturisce in forma di intuizione ineffabile, lenta e faticosa, che si alza in crescita verticale, i miei ragionamenti, ed alla speculazione teorica, precipitando, la gioia della conferma, effimera, mai completa, e tuttavia confortante.

La stessa malinconia, sistematica, e' la solida struttura sulla quale poggia il mio nichilismo parziale: l'assenza di fini, quasi tutti irrealizzabili per quasi tutti, mi restituisce la lucidita' di cui per primo Democrito, in un mondo ancora antico e superstizioso, ebbe a godere.

E' sorprendente come tra tanti possibili punti di contatto tra esistenza quasi speculari, sia il culto, e l'afflizione per la bellezza ad essere fisso, immutato, immutabile.

6 comments:

  1. Grande post di riflessione, di liberta' e di bellezza e io ti abbraccio forte!

    ReplyDelete
  2. L'atarassia è un dono riservato a pochi fortunati...

    Sappi che leggendoti mi si sono bagnati gli occhi. Perché in te mi sono rivisto e perché nelle tue parole ho decomposto la mia marcia necessità di ascesa...

    Lascia che ti abbracci con riconoscenza, per questo.

    Un saluto.
    Fabio.

    ReplyDelete
  3. Grazie a tutti :-)

    Le vostre parole sono inattese quanto toccanti.

    A presto.

    Gio

    ReplyDelete
  4. La ricerca della bellezza è forse l'invisibile filo che tiene uniti i fiori (le emozioni) della ghirlanda che portiamo al collo. Poesia nelle tue parole.

    ReplyDelete
  5. La bellezza rimedia a tanto del mio dolore.
    Non e' neppure necessario possederla, averne per cosi' dire il privilegio.
    Basta contemplarla.

    A me fa quest'effetto!

    Ciao Gianni :-)

    Gio

    ReplyDelete