Thursday, 25 July 2013

Fenomenologia di un imbecille




La 'fenomenologia', cito Wikipedia, 'designa lo studio delle apparenze illusorie, ossia delle fonti d’errore'.

E davvero Allevi e' fonte d'errore per quanti, per ignoranza o ozio, delegano a costui il ruolo di istruttore, di esperto, assegnandovi un po' banalmente, su suggerimento commerciale, il ruolo di musicista di riferimento.

Dato per scontato che la mia competenza in questioni musicali e' minima, mi servo di semplici osservazioni per demolire almeno parzialmente la presa di costui sull'abbondante schiera di imbecilli cui si rivolge.

Lascio dunque ad altri il compito, aulico, di smontarne il credito in seno alla comunita' accademica: io, da imbecille, di imbecilli mi occupo.

Cosi' a proposito dell'enormi dichiarazioni dell'imbecillissimo Allevi, spendo solo poche parole.

Quello che veramente e' scoraggiante e' che una moltitudine di 'ggggiovani' difendono a spada tratta questo imbecille.

Ebbene, io propongo un test semplice semplice per 'dimostrare' ai suoi stessi 'fan' la pochezza di questo individuo.

Si prendano a caso 100 pianisti amatoriali - di quelli che su youtube propongono arrangiamenti per piano o improvvisazioni per dire ...







Si aggiunga al detto insieme l'Allevi, le sue composizioni.


Si faccia ascoltare un pezzo preso a caso da quell'ensemble al 'fan' di turno e gli si chieda, ad occhi chiusi, senza ciuffo e smorfie da pirla, di riconoscere il 'genio'.

C'e' chi attacca Allevi dicendo: 'tra duecento anni nessuno si ricordera' della tua musica, mentre Beethoven e' eterno'.

Io dico che neppure oggi, neppure i suoi 'fani' si ricordano della sua musica.
Concludo dicendo che la musica non ha bisogno di parrucche, infingimenti, make-up, coreografie.

5 comments:

  1. Sei esemplare Gio, anche troppo modesto! Meriti molto,...davvero di cuore! :)
    Tutto bene? :) Riposerai. finalmente, qualche giorno in Italia? Noi, i migliori, li vogliamo qui!
    Ne abbiamo tanto bisogno!
    Buon fine settimana.
    Un bacio grande!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Tu mi confondi, Sara :D

      Delete
  2. Se contribuisce ad avvicinare i giovani alla musica classica ben venga anche un Allevi. Chi sa che non venga loro l'idea di migliorarsi...

    ReplyDelete
    Replies
    1. Tutto e' proprio in quel 'se'.

      Io non credo sara' un fenomeno da baraccone, un'invenzione di marketing, ad avvicinare un giovane alla sterminata ricchezza senza scopo di lucro (o quasi) di Vivaldi o Mozart.

      Ciao :-)

      Delete
  3. bello il "nudo" al pianoforte! :)
    sono sexy anch' io... o no? :(

    ReplyDelete