Friday, 14 June 2013

Pensieri


Rieccomi di nuovo a casa.

Ho penato non poco a tenere il ritmo, ed ho sopportato a fatica perfino il dolore invisibile del semplice spostarsi, di fretta, ogni mattina, da A a B, da B a C,  da C a D.

Lo stesso, alienandomi quando possibile dagli impegni di lavoro, ho pensato, visitato musei, cercato e trovato ancora la bellezza dell'attivita' mentale.

Idee dolcissime, piccoli tesori, istantanee di cruda vitalita' ...

Ho tutto ancora qui dentro, e anche se non ti ho scritto che dettagli minuti sono piegato da ricordi, sensazioni, intuizioni.

Adesso perche' tutto sia completo e perfetto non occorrono altre immagini, ulteriori speculazioni.

Sono gia' troppe le metafore, le riflessioni, la spericolate improvvisazioni.

Adesso devo solo prenderti come un animale, ed impiegare, sfogare, consumare su di te tutta la perfezione che per te ho elaborato, ed infine stendermi al tuo fianco, e dormire, e poi tornare a girovagare un'altra volta, perche' l'attesa e le fantasiose scoperte mi ricongiungano a te.

4 comments:

  1. Bentornato. Mancavano i tuoi scritti.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao :-)

      Sono esausto ... ho dormito appena preso contatto con il letto, e risvegliandomi non riesco piu' a capire dove sono, chi sono!

      A presto!

      Gio

      Delete
    2. Ci vuole sempre un poco, per abituarsi alla realtà, dopo un lungo sogno, o un lungo viaggio.

      L'alternativa è non fermarsi mai.

      A presto.

      Mist

      Delete
    3. Ho fatto razzia, in questo viaggio.
      Mi sono costretto al contatto con gli altri pur di scavare un po'.

      E poi via ... ho visto un bel po' di belle gambe gia' contente di godere della primavera.

      Aiuta molto.

      A presto,

      Gio

      Delete