Saturday, 15 June 2013

Cercandoti



Poche esperienze al pari del dolore drizzano i miei nervi, imponendo lucidita' ed ordine al vago sparpagliarsi delle idee attorno a mille nuclei indipendenti, istruendomi cosi' ad esempio con chiarezza circa i meccanismi che sottendono alle relazioni umane.

Precipitando esploro in profondita'.
L'ho sempre fatto.


Ammetto che ormai da tempo ho raggiunto una sorta di serenita' - e non ti sorprendera' trovarla equivalente ad una solitudine quasi perfetta.

Lo stesso pero' non so rinunciare alla navigazione, che mai somiglia ad un prudente cabotaggio, e che il tempo ha reso semplicemente senza meta.

Godo del pensiero, della vicinanza anche semplicemente ideale di un mio simile; mentre delego alla meccanica i bisogni di uomo, come per mantenermi in equilibrio trovo naturale ancora prima che conveniente usufruire delle energie espropriate alla seduzione, alla ricerca della donna per osservare, teorizzare, e dunque di nuovo osservare i frutti delle mie teorie.

...

C'e' chi non condivide neppure le proprie stesse idee.

Li riconosci facilmente: sono i frenetici in perenne contraddizione, ansia, sono gli ingiusti che non conoscono che insoddisfazione ed insicurezza.

E' loro il mondo, necessariamente vi vivo accanto, forse dentro, ed allora mi interrogo.

In aggiunta agli alti prodotti del pensiero e dei sentimenti, ovvero le speculazioni profonde e l'intimita' invisibile ad altri se non ai membri della coppia, e' delle reciproche 'ovvieta'' che ci si deve sincerare, che' a queste si affida o spetta il compito di 'fondamenta', invisibili, di ogni rapporto.

Io non dubito mai abbastanza delle mie ovvieta' - nel senso che mi convinco, o mi sono convinto, con colpevole superficialita' che fossero condivise mentre erano ignorate o perfino invise.

Cosi' origina la mia solitudine, il frutto di uno sforzo sovrumano che, dopotutto, oggi mi ripaga.

5 comments:

  1. Credo siano cicli.

    Io ho passato anni a costruirmi un mondo fatto di nulla.

    Ora sto disperatamente cercando di riempirlo.

    So già che, quando sarà pieno, caccerò via ogni presenza, per ricostruire il vuoto.

    Come Penelope che fa e disfa la sua tela.

    Io faccio e disfo la mia vita. La sensazione che ho è che tu faccia esattamente lo stesso.

    ReplyDelete
    Replies
    1. AnonymousJune 17, 2013

      Due idioti contemporaneamente nello stesso blog. Niente di eccezionale, direi.

      Delete
  2. Qualcosa di molto simile in effetti.

    Guardo le stelle - dicono siano utili per orientarsi, cosi' io ripeto a chi inopportunamente vuole impicciarsi dei fatti miei ... ma io in verita' desidero soprattutto osservare il fuoco eterno.

    A presto

    Gio

    ReplyDelete
  3. Eh? il fuoco eterno?? :(
    in ritardo ma ci sono! buona domenica, Gio :))
    Ps tutto bene?

    ReplyDelete
    Replies
    1. Il fuoco eterno delle stelle :-)

      Si, mi sto riposando un poco finalmente!

      Ciao Sara

      Gio

      Delete