Tuesday, 28 May 2013

Siderurgia

Non conosco ancora i segreti della siderurgia.

A malapena so individuare la ganga sterile, ed ignoro come annichilirla senza esercitare violenza sul minerale puro, senza polverizzarne le qualita' piu' delicate.

Penso sia inevitabile usare il fuoco, certamente carbonizzare pare necessario per fondere, e poi di nuovo, credo, si deve raffreddare in fretta, e poi ancora tornare alla furia della centrifuga, ad un'incandescenza pura, alla quale restituire infine la forma del desiderio, dell'idea, della passione.

Ipotesi, tentativi, non troppo riusciti a dire il vero.

No, non li conosco ancora i segreti della siderurgia.

Sono forse un alchimista pasticcione, un visionario, un incerto viaggiatore.

Ma non ho un fine cui dedicarmi, ed a questo soltanto, alla costruzione di sentimenti profondissimi, pur distanti, pur forse irrealizzabili, sento di poter, e voler, dedicare me stesso.

3 comments:

  1. Un post falsamente sintetico, dove si sprigiona tutta la vera sensibilità nella ricerca dei sentimenti...
    Bello, bello , davvero!
    Sarei felice tu ti iscrivessi al mio http://rockmusicspace.blogspot.it, mentre corro a farlo con il tuo...
    Buona matrtinata Gio.

    ReplyDelete
  2. Leggero' con interesse!

    Gio

    ReplyDelete
  3. Grazie Gio per la tua gentilezza e premura...
    Un bacio speciale

    ReplyDelete