Friday, 17 May 2013

Non mi illudo

 
Non mi illudo di nulla, non metto in conto alcunche'.

Non allineo, deviando dal ragionevole per precipitare nel ridicolo, il futuro che cerco di costruire ad un'idea folle, ad un progetto sconclusionato che miri e necessiti di un nostro incontro.

Scaccia ogni timore in proposito!

Il tuo silenzio, lo so, e' spesso impacciato dalla pena, dal timore di poter smontare, con una briciola di buon senso, tutti i piani, i sogni, i desideri che finiscono per poggiare su una particella indivisibile e necessaria: 'noi due', ovvero 'io e te', ovvero 'Gio e Valentina'.

Sorridi pure tranquilla, non sono pazzo, almeno non a tal punto!

Rimando con piena consapevolezza tutto ad un futuro che non giungera' mai, e che tuttavia riesce lo stesso a dare un senso alle mie passeggiate, alla ricerca di fresca bellezza da condividere con te, alla meditazione lenta di pensieri malinconici e gelati, che e' la consolazione piu' autentica alla malinconia ed al gelo.

Stasera, ad esempio, era piu' bella la citta', perche' capivo, stupito dall'equilibrio e dall'armonia dell'acciaio, del vetro e della della pietra, che anche tu ne potresti godere.

Non con me, ma come potrebbe davvero importarmi?

Una giorno, chissa', quando io saro' gia' via, tu camminerai per il viale alberato che dal centro sale placido e spesso zuppo di pioggia o rugiada fino alla collina, oppure ti perderai per le viuzze anguste del centro, o riparerai precipitosamente nel primo caffe' dove ti spingera' il vento.

Un'ipotesi tanto ardita poggia su eventualita' vaghe, ma almeno una certezza: sarai emozionata, e con il bel nasino all'in su cercherai magari conferma alle mie teorie strampalate, e poi tornerai a rileggere le pagine della Dystopia, e ne scoverai i segreti, e tra le righe coglierai il fine ultimo di tutta questa massa di parole: esserti vicino.

5 comments:

  1. Gio, tu è alla "donna" che vuoi star vicino... non ce n'è una davvero, ma solo l'incarnazione della donna, atavica e bestiale, controparte del tuo universo che tu vivi come intangibile. ed è il più legittimo dei desideri! Nobile perché ancestrale, poetico perché umano!

    ReplyDelete
  2. Eppure, in qualche modo, io adesso sto meglio, sento meno questa 'mancanza'.

    Dovra' pur esserci una ragione - io le do un nome, tutto qui :D

    PS: ho corretto il testo, che prima era un po' sconclusionato ... invoco la dispensa del venerdi notte!

    Ciao preziosissima creatura.

    Gio

    ReplyDelete
  3. L'importante è che tu stia meglio! Un po' alla volta, un po' alla volta...

    ReplyDelete
  4. Ti riconosco una saggezza che contraddice altre tue virtu'.
    Sei un mistero :-)

    ReplyDelete
  5. Lei è la tua preferita, o mi sbaglio? ;)
    Notte Gio

    ReplyDelete