Friday, 5 April 2013

Io voglio conoscerti.

 
 
Io voglio conoscerti.

Pensavo alle minime possibilita' di incontro, se fosse stata una circostanza non mediata dall'intimita' autentica ad averci avvicinati.

Ma aver scambiato la posizione dei termini di questo algoritmo bizzarro che e' alla base della reciproca conoscenza non preclude un risultato tangibile, o almeno profondo di 'noi'.

La fretta, quella davvero e' cattiva consigliera, ma sono ancora peggiori un eccesso di prudenza, una cautela emancipata al punto da divenire presto o tardi indifferenza.

Capisco forse il timore viscerale, una forma di alta timidezza, ma non si impara a volare se non lasciandosi cadere.

14 comments:

  1. Replies
    1. Uno sconosciuto benefattore dell'umanita' ha fatto questo edit del video ...

      http://www.youtube.com/watch?v=CJwFoXdNklg

      Sensualita' fuori portata.

      Delete
    2. Continuo a prendere appunti di cose di cui vorrei scrivere nel mio diario, ma quasi nulla arriva a superare una fase embrionale.

      Ora, ad esempio, vorrei dire del perche' queste scosse emotive e sensuali sono importanti.

      Ma gia' so che arrivera' un accidenti ad impedirmelo :D

      Ciao Femmina!

      Delete
    3. Tienile in caldo. Arriva un tempo per tutto e solitamente è quello giusto.
      Ne prima ne dopo. Punctum fotografici.
      FG

      Delete
  2. Bah. Sempre la stessa storia se posso commentare. Saltare al reale veloce o aspettare? C'è di vero che aspettare fa non prendere fregature, prima o poi i bischeri si scoprono con il tempo ma non sa di nulla. Aspetti, quello non arriva, rimanda, ho paura. Poi viene, trema, che si fa? Si fissa una stanza? Ci si vede fuori?
    So che il 99% delle persone che incontri qui sono "bidoni" o per lo meno alla lunga si rivelano tali.
    Direi che chi non è deciso non importuni, chi è deciso invece si incontri e metta reciprocamente alla prova con coerenza tra parole e fatti.
    Ora mi guardo il video... me n'avevano spedito uno da un'ora e qualcosa! Aiut!!!! :P

    ReplyDelete
    Replies
    1. Con tutto il veleno, un campionario notevole di neuro e cardiotossine, che c'e' da queste parti direi che di quel 99% non rimangono che ombre in fuga.

      Delete
    2. Già. Spesso va così è la media generale, poi chiaro che quando va bene, quell'un percento esce fuori che è una meraviglia. Pensiamo positivo va :D

      Delete
    3. Il nostro discernimento aiuta molto.

      Delete
  3. Ma secondo me invece ci sono buone probabilità d'incontrare meraviglie. Poi magari all'approccio non segue la storia, vuoi per noia degli argomenti, vuoi per insistenze moleste, vuoi per tutta una serie di vuoi. La speranza di chi fugge è che chi rincorre prima o poi si stanchi e smetta di rompere gli zebedei.
    A volte la comunicazione non verbale paga altre volte, se gli interlocutori non sono svegli invece prolunga un'agonia.
    FG

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ed allora io consiglio una dolce, ma definitiva, eutanasia.

      Ciao!

      Delete
    2. Auspicabile nonché moralmente corretta
      FG

      Delete
  4. Credo che ognuno di noi sappia quando e se è il momento di lasciarsi cadere. Merito dell'istinto, delle sensazioni.

    ReplyDelete