Friday, 29 March 2013

Parallela


La solitudine non si misura con il numero di persone che abbiamo accanto, ma con la loro distanza.

...

Il mio primo messaggio su questo blog e' stata piu' che altro una prova tecnica di trasmissione, ed in effetti se lo rileggo oggi vi trovo notevoli ingenuita', un link messo a casaccio, nessuna immagine di accompagnamento, poche parole che sembrano affidate senza convinzione ad un 'click', e se potessi ripristinare l'estetica di quel giorno forse sorriderei al piattume, allo standard dell'impaginazione.


Non avrei mai pensato che questo diario sarebbe diventato il farmaco piu' formidabile, ma anche quello dai peggiori effetti collaterali, della mia cura, eppure e' stato cosi'.

Non e' cambiata la mia idea fondamentale della solitudine, semplicemente, oggi, vi sono rassegnato.

In questi anni ho sfiorato decine di esistenze, ma non ne ho trattenuta nessuna.

Particella di un meccanismo perverso, credo di essere riuscito a trasmettere il nero dell'anima, non gioia, serenita', godimento, e se pure questa spirale oscura, alla quale un'altra, a volte, mi e' sembrata parallela ma non strettamente intrecciata,mi ha permesso di scavare dentro, e costruire cunicoli tutti interiori, e sfiorare le corde che determinano lo stato mentale ed emotivo, nulla mi sembra sensato.

Ho indagato, e' vero.
Ho appreso e dedotto, interpretato e semplicemente osservato.

Ma questo viaggio in verticale che non e' ancora finito mi ha allontanato ancora di piu' dagli affetti, dalla prosa di una relazione possibile, dal mero soddisfacimento dei pruriti sensuali.

Allora ... ti osservo, tu che a me parallela segui un'attitudine diversamente distruttiva, e la consapevolezza che per quanto io possa precipitare tu sarai sempre a me prossima benche' non unita, mi consola.

4 comments:

  1. La Signorina Rosselli e' nata il giorno di Natale . Non avrà mai festeggiato il suo compleanno.

    Parallela o numero primo?. Divisibile solo per uno o per se
    Stesso. Tutti dispari tranne il 2. Tutti i numeri sono divisibili per due.
    FG

    ReplyDelete
  2. Vorrei tanto essere indivisibile dalla signorina Rosselli :D

    ReplyDelete
  3. Diventare ... impossibile.
    Inventare ... quello mi riesce meglio.

    E attendere.

    Il tuo imperativo, tuttavia, mi fa ribollire il sangue nelle vene :-)

    Ciao Femmina.

    ReplyDelete