Monday, 18 March 2013

Con te


Quanta amarezza alla fine di un giorno sciagurato.

Te lo confesso: tra i tanti mali che mi affliggono, e hanno altresi' determinato la mia condizione attuale, quello che forse piu' mi ha causato sofferenze interiori, ed erano umiliazioni, e' sciocco, superficiale, quasi invisibile.


E', o meglio e' stata, la miopia.

Hai idea di quanti fraintendimenti ha propiziato con i suoi vapori e le vaghe sfumature, capaci di nascondere e ottundere gli spigoli piu' appuntiti?

Hai idea di quante volte pensavo d'essere io quello guardato, cercato, desiderato, al volgere di un volto nella mia direzione, e non un altro, non uno laggiu', dove la sua vista arrivava, e la mia neppure aveva immaginazione?

Mani che si agitano, sorrisi che illuminano un viso, rossore che colora gote, brividi che scuotono, non mi chiamate, ora lo so.

E tu che per caso ti sei trovata di fronte a me, la tua espressione era imbarazzo, non emozione.

Oggi non corro piu' questo rischio, perche' ho capito bene di essere il meno attractive di tutti.

Oh, sapessi quanti sono gli uomini pieni di femmine - e sono quasi tutti dei pezzenti.

Io comunque sono evidentemente peggiore di loro.

Certo: di essere orribile mi ero accorto, ma anche delle altre qualita' che le femmine cercano, la sensibilita', la pazienza, la forza, la capacita' di offrire un sostegno, io sono privo, se e' vero che neppure per sbaglio una si sia mai avvicinata a me.

Cosi' oggi, nel gelo di un'ulteriore tormenta di neve, penso che con te mi sarebbe piaciuto fare di tutto, perfino avventurarmi nel mondo dell'arte, e giocare coi colori, e plasmare forme, e mettere assieme suoni.

Lo penso, e ti coinvolgo nei miei labirinti verticali, sbilenchi, azzoppati, claudicanti.

Lo penso, ma non sentirti offesa, non sentirti di dover dare spiegazioni, usare quella parola tremenda, 'fraintendimento', che gia' mi ha decapitato troppe volte.

Non recrimino, mi attengo con naturalezza al mio ruolo di paziente.

Mi e' sufficiente perdermi nell'infinite combinazioni di due individui per tornare a godere di un calore non del tutto, non solo mio.

Ma secca e' la tempera, e le stecchite dita di nere trame riempono il diario, e grezza la creta, e di vuoto il silenzio colma la notte.

10 comments:

  1. ..Mi auguro dal profondo del cuore che tu non soffra davvero così tanto..Gio.
    A parte chi siamo noi,..ci vuole sopratutto tanta fortuna della vita. Non ho mai visto miracoli,non tantissime ma diverse manifestazioni di vero amore incondizionato per persone che stanno peggio di noi...e ci sono Gio..credimi!
    Un abbraccio!
    Ps scrivi divinamente, sei un uomo molto, troppo, intelligente e sensibile: sei grande Gio!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Troppo gentile Sara :-)
      Si va avanti dai!

      Qui fa piu' freddo ora che in pieno inverno ... com'e' bizzarro il clima!

      Delete
  2. " ... volli incontrarlo, sì, rischiando un bel po'. Ero infatuata dalle sue parole, da quell'essermi vicino, quasi simile, ma con ragioni diverse, profonde, che facevano di lui un uomo da ammirare, per la forza, la decisa insofferenza alla morale imposta, per la dolcissima e spietata sensualità. No, non era certo come immaginavo, no, sebbene fosse un uomo grande che con un abbraccio mi prendesse tutta e ancora le sue braccia arrivassero a toccarlo di nuovo ... Per fortuna, mi dissi, per fortuna il suo corpo non mosse in me alcun desiderio impudico. Per fortuna, sì, i nostri pensieri viaggiarono liberi, limpidi, sinceri, senza lo stupido peso dell'aspettativa. Ci rivedemmo altre volte ed ogni volta era come fossimo lupi in un mondo di uomini; c'eravamo solo noi e tutto il mondo che portavamo dentro usciva fuori in un solo sguardo ... Continuiamo a seguirci, da lontano, ma mai così lontano da non sentirci intimamente vicini ... "
    ... alzo la mano, perchè tu mi scorga, poi corro verso di te : " ciao Gio', non vedevo l'ora di incontrarti !"

    buona giornata

    ReplyDelete
    Replies
    1. Questa se non e' perfezione vi somiglia molto :-)

      A presto allora ;-)

      Delete
    2. Giò, questa non è perfezione, non può esserlo, è la mia vita !

      Delete
    3. Mi sembra che ti offra almeno degli attimi di perfezione :-)

      Non e' cosi'?

      Delete
    4. isnt'it ??!! mi sembra di sentirtelo chiedere !!
      Non lo so, Giò ! A volte, scegliere, mi viene facile e quando non è facile imparo lo stesso qualcosa che mi renda migliore. A volte ci metto un po' per capirlo, ma è come seguire un sentiero ed ogni sentiero in qualche modo arriva al mio giardino segreto ! ... e tu ci sei !

      Delete
    5. Esatto ... isn't it? :-)

      Spero ci sia un angolo ombroso nel tuo giardino, dove oziare e cullarsi nei suoni della natura.

      Ciao :-)

      Delete
  3. L'immagine è stupenda!
    Tu sei un'opera d'arte vivente! E si sa... la gente di arte non capisce un cazzo ;)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Detto da te, amica mia, che dimostri un gusto anche estetico eccezionale, vale molto.

      Era in bilico, il telefonino, e la qualita' dell'immagine infima e tuttavia le tue parole mi spingono ad insistere, a continuare questa che e' la mia vita, e che non puo' essere diversa.

      Insomma, e' tutto un'approssimazione, ma e' davvero mia.

      Ti abbraccio,

      Delete