Sunday, 24 March 2013

Amare giornate intere


Amare giornate intere

Crampi allo stomaco per i troppi conati,
ma non c'e' succo gastrico da buttar fuori per liberarsi,
e sarebbe l'anima a dover sloggiare una volta per tutte.


Domani andra' meglio, come oggi e' meglio di ieri, e per il semplice fatto che dopo una notte in bianco il mio corpo pretende il sonno.

Il sonno avra'.

Adesso comanda un male superiore a quello del cuore.

Dimenticare, quello e' difficile, lo so, ed il rimedio piu' facile, riempire d'altro, d'altro simile se possibile, non mi riuscira', che' non ne ho le forze, che non e' neppure possibile.

Cerco una via di fuga.

Devo decidere che leggere.

Sul comodino ho messo, l'uno di fianco all'altro, il primo diario di Anais Nin e un bel trattato sul medio-evo.

Ho gironzolato tra le prime pagine di entrambi, e sono tentato e dalle vicende sensuali di Anais, e dagli intrighi di Zenone e Teodorico.

I volumi, traslati dalle loro nicchie votive del salotto una prima volta nello studio, e di nuovo in camera di letto, mi sono finiti tra le mani nelle pause, nei momenti di pigrizia, in quelli di curiosita'.

Fine delle tramissioni.

6 comments:

  1. Replies
    1. Grazie di cuore amica mia.
      Stella fissa della mia volta celeste, ti voglio bene.

      Delete
  2. Come
    A
    Dire dei
    Vizi ne faccio
    Virtù !

    L'ozio-pigrizia che diventano mappe del tesoro.

    FG

    ReplyDelete
    Replies
    1. Dove sarei ora senza queste mappe?
      Ciao :)

      Delete