Tuesday, 26 February 2013

Sui risultati delle elezioni

Poche parole.

C'e' chi, elettore deluso di sinistra, se la prende con chi ha votato Grillo, accusandolo di aver travasato voti dal PD al M5S.
C'e' chi, elettore deluso di sinistra, se la prende con chi ha votato Ingroia, accusato di aver tradito la grande casa riformatrice.



Io non devo fare alcuna autocritica.

Ma scherziamo?
E' colpa mia?
Mia?

La facciano loro, autocritica, ovvero quegli impettiti gradassi del quadro dirigente di un partito che negli anni ha deriso, irriso, deluso, minimizzato e non compreso le esigenze, le angosce e i dubbi di un paese gia' oltre l'orlo del precipizio.



Asserragliati nel loro feudo, ottusamente tetragoni nell'ignorare ogni evidenza, si sono scavati la fossa gettando fango, oltre le mura dei privilegi, su chi oggi ancora li sostiene in nome dello spettro e del fetore di Berlusconi.

Questo atteggiamento, tale per cui ci si deve sempre piegare alle esigenze ed al comportamento dei potenti, in eterno ossequio e in paralizzante terrore, e' davvero uno dei tratti piu' insopportabili di noi italiani.

Dobbiamo imparare a pretendere e dare.
Dobbiamo smettere di delegare e attendere!

Uniformandoci ai dettami delle nostre paure, abbiamo ridotto il paese in macerie.

Cio' che 20 anni fa sarebbe sembrato assurdo, inaccettabile, il lento cedere alla mediocrita' ha reso addirittura necessario, unica soluzione.

Se prolungo al futuro un andamento fino ad oggi umiliante, io riesco ad intravedere un abbruttimento insostenibile, e degenerazioni atroci che e' mio dovere combattere.

Io da questo giochino folle mi tiro fuori.

Cio' detto: sono felice che rottami tipo Fini e Di Pietro siano fuori dal parlamento.

Gioisco per una larghissima maggioranza anti-berlusconiana: vedremo se, per una volta, magari giocando sporco, saranno altri, all'ultimo momento, con un glorioso voltafaccia, a fottere il nano, e dunque a promuovere un rinnovamento che vada a beneficio di disegni di legge per districare temi delicati per la prosperita' del paese come conflitti di interessi, corruzione, mafia.

Non dimentichiamoci che e' il parlamento a legiferare, e se pure il PDL potrebbe giocare la carta del ricatto, dimissioni di ministri di un largo governo di coalizione, sospensione della fiducia, norme severe potranno passare lo stesso, magari in piena crisi di governo.

Un governo PD-PDL poi non farebbe che dissanguare le gia' magre risorse dei democratici, intaccando minimamente quelle della destra, che si rinnovano come un'eco ad ogni nuova menzogna assordante.

Ha forse piu' senso un delicatissimo governo di minoranza PD, con astensione del M5S, che metta in programma punti condivisibili, e porti presto a nuove elezioni.

Intanto gioisco di  schadenfreude soprattutto per i tanti coglioni che hanno votato con l'acquolina in bocca godendo e attendendo la restituzione in contanti dell'IMU, e confido nella rabbia che il nulla concretizzera', che sara' forse l'unica in grado di liberarci del loro piccolo dio infetto.

Non accetto poi che mi si inguirii se manifesto disgusto per l'esito complessivo di questa elezioni.

A me non basta l'affermazione di una parte, la mia.
Io mi dispero dell'esistenza di tanti zombie che si dimenano a onte dei vermi, delle formiche e delle lumache che hanno in testa!

E' con costoro che io condivido l'esistenza.

Non vivo io, a differenza dei varii onorevoli del PD, in un'altra dimensione: quando torno in Italia e' con ubriachi, violenti e fanatici che mi confronto, non con guardie del corpo e commessi.

Sveglia gente!

6 comments:

  1. Faccio mia la frase che la giovanissima Giulia Innocenzi ha twittato oggi: "A chi dice: non ti lamentare, dovevi votare PD rispondo: un partito il mio voto se lo deve conquistare, non ricattare".
    E' esattamente quello che penso anch'io. Le riforme vanno fatte a cominciare dai posti più in alto.. visto che il popolo bue non cambierà mai.

    Un saluto.. a 5 stelle
    Joh

    ReplyDelete
  2. Bravissima Joh.
    Ed io mi lamento di quello che voglio: come posso non essere disgustato da questo residuo berlusconiano?

    Non mi basta un'affermazione di un partito che sostengo se poi una massa di milioni dimostra di avere i vermi in testa!

    Ciao Joh :-)

    Gio

    ReplyDelete
  3. Se il pd si allea col pdl sono convinta che quelli che sono ancora di sinistra e hanno votato Bersani per non disperdere i voti, diventeranno tutti grillini e il pd si sgonfierà come un palloncino pieno d'aria.
    Ti riporto le parole di un mio amico blogger che esprime perfettamente il mio pensiero:
    " Devo ammetterlo, Berlusconi è veramente un grande imprenditore.
    In pochi mesi, è riuscito a mettere insieme il più grande
    allevamento di maiali del mondo (9.923.100).
    Badate bene, il vero capolavoro non consiste nel numero dei porci, ma nel mangime usato: le CAZZATE .
    Non costano nulla e rendono molto, perché del maiale è cosa nota, non si spreca nulla."

    ReplyDelete
  4. Secondo me se il PD offre un'alleanza allettante a M5S per il nano schifoso questa apparente vittoria si trasformera' nella sconfitta piu' bruciante.

    PD e M5S hanno una maggioranza BULGARA.

    Possono annientare il nano con 3 leggi su conflitto di interessi, corruzione e regolamentazione del mercato radio-televisivo.

    Chissa' che accadra' ...

    Ciao Marisa!

    ReplyDelete
  5. Il processo Ruby è alle porte! :D
    che sia (speriamo) una lezione per tutti i mandrilloni, politici per primi!
    ciao Giò, tanto per cambiare sono in ospedale... :(

    ReplyDelete
  6. Forza Sara!
    Speriamo in buone notizie allora :)

    ReplyDelete