Thursday, 21 February 2013

Metamorfosi


Sei stupita, non e' vero?

Metamorfosi ...


Questo e' l'unico termine che puo' descrivere l'effetto che voi donne avete su di me.

Non importa dove sia, cosa stia facendo.

Sento le vostre voci, e questo sono le mie immediate priorita'.

Le sento, e non esiste un altro interlocutore; le sento, e tutto il resto e' rumore.

Nulla puo' sostituirsi alle vostre figure, sensuali, eleganti, seducenti, misteriose, inesplicabili, ma e' quando posso sfiorarvi, quando posso stringervi a me che la metamorfosi si completa.

Quando sono accanto ad una donna, io non sono piu' 'me stesso'.
 
L'uomo fragile, che dovrebbe prendersi cura di se' stesso, il deforme che non dovrebbe sognare, l'accademico che sarebbe bene fosse moderato,  saggio, forse perfino noioso, svanisce.

Subentra allora una creatura animata da null'altro che il culto di te.

Lavoro, faccio il mio dovere, prendo l'autobus, mi comporto da persona civile per ore, settimane.
Scrivo codici, insegno, discuto di cluster e matlab coi colleghi.

Poi ad un certo punto, al momento del nostro incontro, negli attimi della passione, non sono che il tuo amante, e nulla di diverso.

Metamorfosi e' la risposta al tuo stupore.

La metamorfosi che fa di ogni metafora una realta' sensata, concreta, solida.

No comments:

Post a Comment