Tuesday, 8 January 2013

Quinto piano


Ho aspettato pazientemente, e sperando che non correse troppo in avanti la lancetta, che non arrivasse per lei la fine di quel pomeriggio di lavoro.

Era un giorno uguale a tutti gli altri, scandito come sempre dall'andirivieni dei soliti clienti e la sorpresa di qualche faccia nuova, per Giulia, e per me invece sarebbe stato uno spartiacque, un punto di cambiamento definitivo.

Quel giorno avrei smesso i miei panni di imberbe sognante, sarei cambiato, certamente maturato, ma in che direzione, se in crescita o in perdita, se nella familiarita' con il corpo o con l'animo, io non lo sapevo.

Ne', a dirla tutta, avrei potuto saperlo.

Ignoravo per altro, e stupidamente, che molto sarebbe dipeso da lei.

Una truffa, una violenza, una delusione, un'infatuazione ... ognuna di queste eventualita' era possibile, avrebbe certamente determinato il mio futuro tanto quanto il travaglio che a quel misterioso punto di biforcazione  aveva sospinto il dubbio, protrendendolo in avanti, oltre il grigiore ottuso e prudente della normalita'.

Non rimasi li a fare la guardia all'ingresso.

Inizialmente, meditando sul da farsi non avevo ancora scartato la possibilita' di tornarmene a casa, camminai avanti e indietro per la via, stando attendo a non incrociare le due anziane prostitute.

Quando infine decisi di restare, presi a fare giri piu' ampi.

Mi spinsi fino ad una piazzetta dove una chiesa, benche' fossi gia' ateo, esercitava sulle mie pulsioni e paure funzioni di monito e ricovero allo stesso istante, e gironzolai li intorno per un'oretta buona.

Sono tornato in quella via ieri notte, grazie alla tecnologia.

Cancellato dal rinnovamente urbanistico o dalla memoria, non ho piu' trovato il caseggiato di Giulia, un fabbricato malandato, preda della decadenza interessata di padroncini disposti a tutto pur di riscuotere ricche pigioni, ma al suo posto palazzi anonimi, e ai pian terreno centri massaggi dalle vetrine oscurate da pannelli eleganti che evocano l'oriente, e nascondono lo sfruttamente della prostituzione.

Sfruttamento ... no, questo non era accettabile, neppure per consolare un male.

Io non l'avrei sfruttata, proprio come non avrei sfruttata nessuna.
Non l'avrei neppure disgustata, e mi sarei sottoposto ad un suo giudizio prima di iniziare: un rifiuto io l'avevo messo in conto.

Finalmente mi decisi a richiamarla.

Mi rispose un po' confusa, anche a lei doveva essere chiaro che c'era stato un fraintendimento, un accavallarsi di individui nella sua agenda.
Mi disse di venire pure avanti, di salire al quinto piano: li mi attendeva.

Con il cuore in gola entrai nel palazzo.

Varcando quell'ingresso, camminando per un atrio lurido, a malapena illuminato da vecchie lampadine ad incandescenza, io abbandonavo l'adolescenza nella quale non avevo mai trovato collocazione.

Quinto piano.

L'utilizzo dell'ascensore era appannaggio dei soli inquilini, serviva una chiave per accedervi, e cosi', appiedato, accaldato e stanco, iniziai una lenta, penosissima salita.

Su ogni pianerottolo s'affacciavano tre o quattro porticine, rannicchiate tra loro.

Infilati tra la scala e la facciata, tra il sole e l'oscurita', dunque non erano appartamenti, ma stanzette, ed in quell'istante mi sembro' naturale domandarmi se oltre a Giulia anche altre prostitute esercitassero in quel palazzo.

Salivo da una puttana, una ragazza bella e misteriosa che mi avrebbe detto di si, la prima donna con la quale avrei scopato, e lo stesso mi immaginavo le altre, in attesa dietro quelle pareti sottili, e le avrei volute prendere singolaramente una ad una tutte quante.

Con il fiato grosso, arrivai finalmente al quinto piano.
Lei mi senti', e apri' la porta della stanza quanto bastava per farmi capire dove bussare.

Mi avvicinai come un burattino: non obbedivo alla prima linea del pensiero, che era in conflitto, ma ad una ulteriore, piu' remota e severa architettura mentale.

Io dovevo farlo.
Io l'avrei fatto.

2 comments:

  1. E spero proprio tu lo abbia fatto. Comunque sia andata.

    ReplyDelete
  2. L'ho fatto, ed e' andata bene.
    Ciao :-)

    ReplyDelete