Monday, 31 December 2012

Un genio del male, e considerazioni varie


 Io ti avverto: tu hai a che fare con un genio del male, signorina Valentina Rosselli!

Il sogno di poche notti fa, caso mai ce ne fosse bisogno, mi attribuisce una volta di più e la genialità e la malvagità.

Non mi costa troppo questa confessione, poichè intuisco che il tuo desiderio non sia quello di trovare un amore tranquillo, sicuro, dove trovino conferma certezze fossilizzate, ed un'idea ben sedimentata di etica.

No, tu sei un'avventuriera.
Tu vuoi esplorare, capire, frugare ... e poi abbandonare, quando sia esaurita la curiosità che ti muove.

Per me va benissimo, perchè io stesso sono fatto così.
Io sono fatto così a meno che all'infatuazione, che per te è addirittura esuberante, capace di illuminare le mie notti ed accorciare la durata del giorno, non subentri l'innammoramento.

Sono solo poche immagini quelle che il mattino mi ha restituito, ma sufficienti.

Il sogno mi ha trasformato in un imprenditore, e la mia intraprendenza, così la saprebbe chiamare qualcuno, ha architettato un servizio di slot machines a domicilio per vecchi paralitici, anziani su sedie a rotelle, indifese nonnine ricoverate.

Con il mio camper sfavillante e chiassoso visito ospizi, case di riposo, ospedali.

Vado incontro all'esigenze del cliente, lo soddisfo fintanto che ha moneta sonante da barattare con gettoni di plastica e l'ebbrezza di un istante.

Poi, quando i polli hanno alleggeriti i portafogli, e prima che li prenda la paura, la consapevolezza di aver dilapidato la propria pensione e non aver più denaro per le medicine o la retta del ricovero, io me ne vado, magari lasciando buoni sconti per il prossimo giro, e qualche depliant plastificato.

PS:

Anche nel Regno Unito si trovano sale da gioco, ma credo non così numerose e invadenti come in Italia.
Mi disgusta quest'abbondanza di sanguisughe a norma ...
Personalmente non troverei disdicevole, ma solo illegale, se uomini di buona volontà entrassero con spranghe e bastoni in questi locali per farne macerie.

No comments:

Post a Comment