Wednesday, 26 December 2012

Spunti per racconti: ancora


 Si, ne ho ancora di spunti per racconti.

Me ne balenano in mente di continuo: a volte precedono, più spesso seguono un avvenimento, mentre raramente germogliano spontaneamente, senza poggiarsi ad altro che fantasia, ovvero noia.


Tu non sai quanto mi piacerebbe lavorare con te ad una di queste idee grezze.

Non mi riferisco al processo di rifinitura, li dove il tuo stile comunque saprebbe intervenire consigliando aggettivi desueti e onomatopeici, o sbrogliando il mio periodare disarticolato e confuso, ma all'opera del demiurgo, quando l'immaginazione, l'abile gioco di chiari e scuri, incavi e strutture portanti, contende al caos orizzontale e irreversibile ogni cosa, il destino dell'intuizioni, la genesi dei pensieri.

La stessa complicità, pretesa ed offerta, connaturata, la ritroverai nelle fantasie sessuali.

Non sarai per me un kleenex, un oggetto passivo di desiderio.
Non sarai, a seconda che tu sia ortodossa, golosa o viziosissima, una, due o tre cavità per la mia esuberanza, poichè concomitante ad ogni tua inclinazione sarà una curiosità ulteriore, quella che si bea della creatività, e accomoda all'amore!

Ci sarà più che mugolii e corpi vuoti nel nostro letto, che sarà un cantiere, un'accademia, un'officina.

A me piace coprirti, scoparti, fotterti da dietro, lo sai.
E spingere tanto da farti scivolare i gomiti, inarcare la schiena, e chinare il capo.
E portarti a godere tanto da farti stringere le lenzuola, trattenere il fiato, e voltarti verso di me, finalmente evasa, sollevata dal mondo.

Piena di riconoscenza ed allegrezza quanto del mio cazzo tu mi guarderai, e con smorfiette e il gesticolare delle dita, mordicchiando le labbra da porcellina ed indicando con il pollice 'si, ancora, dai!' mi unirai alla tua gioia.

Ti sembrerà che avremo finito, e forse ti alzerai per andare di la'.

Io allora pignolo e un po' scuro in volto ti rimprovererò 'ma sei scostumata! Dove vai senza mutandine?' e starò giocando con il tuo slip, mentre tu, appoggiata allo spigolo del comodino, nuda li sotto, abbottonerai la camicetta abbandonata, ancora inebriata, oziosa, femmina, amante.

Al tuo piacere tu mi inizierai un'altra volta, e finalmente fusi andremo alla scoperta di noi due.

No comments:

Post a Comment